Incendio al canneto della riserva lago di Sartirana a Merate. L’origine potrebbe essere dolosa. E arriva a soli due giorni di distanza da un altro rogo del tutto simile, accaduto all’osservatorio ornitologico lungo il fiume a Villa d’Adda, accaduto lunedì sempre nel tardo pomeriggio.

Incendio al canneto della riserva lago

Stando alle prime informazioni raccolte, l’incendio sarebbe iniziato attorno alle 19. E le fiamme hanno avvolto una parte di canneto della riserva lago di Sartirana, a Merate. Il vento ha per altro contribuito a far allargare il rogo, sul quale sono presto intervenuti i Vigili del fuoco del distaccamento di Merate, impegnati nelle operazioni di spegnimento. Appare improbabile che in un’area naturale come quella del Lago di Sartirana possa scatenarsi un rogo nel bel mezzo del canneto.

La memoria al rogo di lunedì

La prima ipotesi presa in considerazione è quella di un gesto volontario oppure di una grave imprudenza da parte di qualche visitatore. Il pensiero è subito andato all’altro incendio, dalle modalità del tutto identiche, avvenuto lunedì a Villa d’Adda. Fortunatamente i danni provocati a Merate, in un primo momento, sembrerebbero meno gravi.

Leggi anche:  Impegno e Amore per Verderio replica a Mistretta