Questa mattina Aboudel Manaf Cocobissi è comparso davanti al giudice monocratico Enrico Manzi.

LEGGI ANCHE Donne picchiate a Lecco, Brivio: “Sicurezza senza strumentalizzazione”

Imputato per lesioni gravi

Questa mattina, venerdì 20 settembre ,  alle 9.15 Aboudel Manaf Cocobissi, 24 anni è arrivato dal carcere di Monza, accompagnato dalla polizia penitenziaria per assistere all’udienza del processo che lo vede imputato per lesioni gravi per aver colpito due donne nel sottopasso della stazione ferroviaria. Il giovane, indossava un paio di pantaloni grigi, un giubbino blu in jeans e una maglietta azzurra con la bandiera inglese.

LEGGI ANCHE Donne picchiate a Lecco: in carcere l’aggressore della stazione. IL VIDEO DELL’ARRESTO IN OSPEDALE

Affidato l’incarico a uno psichiatra

Il giudice monocratico, Enrico Manzi, ha affidato allo psichiatra, dottor Giuseppe Giunta, l’incarico di  verificare le sue capacità di stare in giudizio e per capire se il giovane sia in grado di intendere e volere. Lo psichiatra andrà a trovare il 24enne originario del Togo lunedì. Poi avrà quindici giorni di tempo per scrivere e consegnare la sua perizia.

Leggi anche:  Controlli nel bosco della droga, una denuncia FOTO

Si torna in aula l’11 ottobre

Si torna in tribunale  l’11 ottobre a mezzogiorno. In aula saranno chiamate a comparire anche le due vittime: una ragazzina 18enne e una neurologa di 56 anni che pare non abbiano intenzione di sporgere denuncia.

LEGGI ANCHE

Donne picchiate a Lecco, il Sindacato di Polizia: “Potenziale assassino ai domiciliari è uno schiaffo morale”

Donne picchiate a Lecco: l’aggressore destinato a una struttura psichiatrica

Aggressione assurda in stazione: picchia due donne e poi fugge. Arrestato

Aggressione in stazione a Lecco: immagini shock delle donne picchiate VIDEO

Donne picchiate a Lecco, si torna a parlare della chiusura notturna della stazione

Donne picchiate a Lecco,  “Si è toccato il fondo”. Rabbia e indignazione

Donne picchiate a Lecco, Gd e Appello: “Strumentalizzazione vergognosa delle destre”

Donne picchiate a Lecco, Salvini: “Altro che domiciliari, galera ed espulsione”