Si moltiplicano sul territorio gli omaggi a Fabrizio Frizzi, scomparso questa notte a soli 60 anni. Dopo il ricordo della campionessa Ombretta Brumana, ora sono i vertici del Coordinamento lecchese di Telethon a omaggiare il compianto e amato volto noto della tv.

Addio a Fabrizio Frizzi

Gerolamo Fontana, da sempre anima e corpo di Telethon della provincia di Lecco, così lo ricorda. ” Se dovessi dare un titolo, sarebbe La tristezza nel cuore, la scomparsa di Fabrizio Frizzi ci addolora tantissimo. Quante volte abbiamo incontrato Fabrizio nelle varie iniziative di Telethon, nelle serate finali delle maratone Telethon, oppure alle partite del Cuore. Per Telethon Fabrizio era veramente una persona con il cuore in mano, soprattutto era una persona umile, come tutte le persone intelligenti”.

Un uomo che metteva tranquillità

” Un ricordo in particolare, una serata finale della maratona Telethon a Roma” prosegue Gerolamo Fontana. “Eravamo in un teatro con Pippo Baudo, poi con la mia compagna Raffaella ci hanno portato al Teatro delle Vittorie dove si andava in onda.  Appena arrivato Fabrizio mi disse: “Vai, hai tutto il tempo che vuoi”. Io sono andato sul palco e ho fatto il mio intervento. Fabrizio non era un presentatore che ti stressava con in tempi, ti trasmetteva tranquillità. Finita la trasmissione insieme ci siamo spostati in un altro studio televisivo, per la finale Generale. In macchina mi fece i complimenti, perché mi disse che non è facile parlare davanti a 5 milioni di persone, e abbiamo riso e scherzato per tutto il tragitto. Era veramente una persona straordinariamente umana. Grazie Fabrizio, ci mancherai tanto”.

Leggi anche:  Grande partecipazione e forti emozioni per la 4a edizione della Rassegna Alpina

Mai banale e molto umano

Fabrizio Fontana è particolarmente colpito dalla notizia: “Ho incontrato personalmente Fabrizio per la campagna Telethon 2010. Si è dimostrato anche in quell’occasione una persona vera e disponibile, mai banale e molto umana. In occasione del mio trentesimo compleanno mi aveva mandato un filmato con gli auguri. Ogni volta che l’ho incontrato era così cordiale che mi sembrava di conoscerlo da anni. Non lo dimenticherò mai”.

La grande disponibilità

La notizia della morte di Fabrizio Frizzi fa ricordare a Giorgio “di quanto si fosse dimostrato disponibile ed estremamente gentile nel prestarsi a posare per la foto del manifesto; credo che anche Fabrizio e Gerolamo possano raccontare quella esperienza molto positiva che ci ha fatto incontrare una persona squisita nei modi e molto disponibile per tutto quanto riguardava Telethon ed il mondo della disabilità”.

Educato, spiritoso e mai banale

“Addio Fabrizio eri una persona bella dentro e fuori, sempre sorridente, educato, spiritoso e mai banale” aggiunge commosso Angelo Fontana. ” Quando questa mattina alle 6.30 ho sentito la notizia della tua morte mi ha fatto rimanere di stucco, Tutte le sere all’ora di pranzo era mia abitudine guardare l’eredita come tantissime persone di Monte Marenzo, che questa mattina con le lacrime agli occhi mi davano la loro testimonianza, se ne va una persona per bene. Un abbraccio e le mie condoglianze alla tua famiglia Ciao Fabrizio  r.i.p.”