Furto al bar nel bel mezzo della notte. Circa 300 euro trafugati dalla caffetteria “Al Biceren” di Santa Maria Hoè in via Corsia Mercato.

Furto al bar: un tombino per sfondare la porta

A effettuare il colpo, avvenuto tra le 3 e le 3.30 di questa notte, sarebbero stati tre individui a bordo di una Golf nera. Dopo aver sollevato un tombino nella strada di fronte al bar, lo hanno usato come “ariete” per sfondare la porta d’ingresso e si sono introdotti nel locale. A cedere sono stati i serramenti della porta, poiché il vetro è anti-sfondamento. Una refurtiva di circa 300 euro, quasi tutti in moneta. Questa la cifra contenuta in ciò che hanno rubato. I malviventi hanno infatti portato via il cassetto del registratore di cassa e il cambia-monete che conteneva poco più di 200 euro.

Il tombino usato per sfondare la porta

 

Primo furto in 15 anni

Sono intervenuti tempestivamente sul posto i Carabinieri di Brivio, alla cui compagnia Massimo Manzoni di Olgiate Molgora (titolare dell’esercizio commerciale) ha sporto denuncia. L’antifurto è scattato immediatamente, tuttavia i ladri sono riusciti a trafugare il più possibile e a fuggire prima dell’intervento dei militari. «Questo è il primo furto che subisco in 15 anni di attività qui a Santa Maria Hoè» ha dichiarato Manzoni. Il bar è rimasto chiuso nella giornata odierna e riaprirà domani. Il titolare si sta infatti adoperando per la sostituzione della vetrata della porta d’ingresso, sostituita temporaneamente con una lastra in plexiglas provvisoria. Resta inoltre in attesa di un nuovo registratore di cassa, senza il quale ovviamente non potrebbe esercitare la propria attività.

Leggi anche:  "Ha tentato di ammazzare mio marito, non perdono Sonya Caleffi"
La lastra in plexiglas provvisoria