Se non ci fossero di mezzo conseguenze penali e la rabbia di tantissimi pendolari costretti a subire disagi  per un gesto quantomeno sconsiderato, ci sarebbe da ridere. Fuori orario… professore ferma il treno per una conferenza. Gli Agenti della Polizia ferroviaria di Lecco hanno denunciato un professore  di 58 anni, incensurato, per il reato di interruzione di Pubblico Servizio.

LEGGI ANCHE 40enne trovato morto nella vasca da bagno

Professore ferma il treno per una conferenza

L’incredibile vicenda è accaduta nei giorni scorsi a Calolziocorte.   L’ uomo,  avendo l’ urgenza di raggiungere Milano per prendere una coincidenza per Bologna, dove avrebbe dovuto tenere una conferenza, ha pensato bene di mettersi in mezzo ai binari della stazione di Calolzio), pretendendo di far fermare un treno proveniente da Lecco e diretto a Milano Centrale. Peccato che il treno, a Calolzio, non si sarebbe dovuto fermare.

Denunciato per interruzione di Pubblico Servizio

Il Dirigente Movimento, per evitare un aggravarsi della situazione, ha dato il nulla osta alla fermata straordinaria, così l’ uomo è potuto salire e raggiungere la stazione di Milano Centrale dove lo attendevano gli Agenti della Polizia Ferroviaria che lo hanno identificato e segnalato all’Autorità Giudiziaria in stato di libertà.

Cosa rischia

L’uomo, come detto è stato denunciato per interruzione di Pubblico Servizio. Ecco cosa significa e cosa rischia…

Chiunque, fuori dei casi preveduti da particolari disposizioni di legge, cagiona una interruzione o  di un ufficio o servizio pubblico o di un servizio di pubblica necessità, è punito con la reclusione fino a un anno.

Quando la condotta di cui al primo comma è posta in essere nel corso di manifestazioni in luogo pubblico o aperto al pubblico, si applica la reclusione fino a due anni(

I capi, promotori od organizzatori sono puniti con la reclusione da uno a cinque anni.