2.862  persone identificate, di queste, 894 gli stranieri di cui 4 irregolari. 43  contravvenzioni elevate.  9 gli arrestati, di cui 3 stranieri,  52 le denunce in stato di libertà, di cui 3 a carico di minori, 32 i veicoli controllati, 593 le pattuglie in stazione, 449 i treni scortati. Questo il bilancio della attività compiuta la scorsa settimana dagli Agenti della Polizia Ferroviaria della Lombardia. Due gli interventi sui convogli lecchesi e uno di questi è finito con l’arresto di un uomo che doveva stare ai domiciliari… ma era sul treno.

LEGGI ANCHE  Aggressioni sui treni, Fragomeli chiede a Salvini una task force sui convogli lombardi

Condannato  ai domiciliari… ma era sul treno: arrestato

Nel corso dei consueti servizi di scorta sui treni infatti la Polizia Ferroviaria di Lecco nei giorni scorsi ha notato un italiano di anni 46 anni che, alla vista degli agenti, si è allontanato rapidamente in direzione opposta. Raggiunto ed identificato, l’uomo è risultato  sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari. Per questo è stato arrestato per evasione.

L’aggressione ai danni di un pendolare

Sempre la scorsa settimana sono finiti in manette tre giovani tutti italiani: P.D. 18enne residente a Torino, A.A.E.F. 23enne residente a Lesmo e T.A. 25enne residente a Brugherio che hanno pestato a sangue un pendolare 50enne su un treno della linea Paderno – Milano.

Leggi anche:  Tragedia sulla Statale 38, disposta l'autopsia sulle vittime

LEGGI ANCHE Salva un pendolare aggredito sulla linea Paderno – Milano: promozione per il poliziotto