Brutta giornata per la sicurezza negli impianti lavorativi con un doppio grave incidente sul lavoro che ha causato ferite serie a un 31enne e a un uomo di 51 anni.

Doppio grave incidente sul lavoro

La prima richiesta di aiuto è partita alle 13.30 da Colico, e precisamente dalla località Piano. Un 31enne è rimasto ferito ad un piede, riportando un trauma da schiacciamento, all’interno di un capannone in via Prati della Rosa. Sul posto sono intervenuti con tempestività i volontari della Croce Rossa di Colico che hanno prestato i primi  soccorsi al malcapitato. L’uomo è stato stabilizzato sul posto prima di essere trasportato in codice giallo, quindi in condizioni serie ma fortunatamente non critiche,  all’ospedale Manzoni di Lecco. Toccherà ai tecnici dell’ispettorato del lavoro dellAts Brianza  e ai Carabinieri, che sono stati allertati, ricostruire i contorni dell’infortunio.

51enne perde l’ultima falange di tre dita mano

E dovranno compiere altrettante indagini gli uomini della ex Asl e i militari che sono stati chiamati a intervenire a Osnago una manciata di minuti prima delle 15. Qui un 51enne è rimasto ferito all’interno di una ditta di via Primo Maggio riportando l’amputazione dell’ultima falange di tre dita mano. E’ stato soccorso sul posto, prima di essere portato in ospedale, dai volontari della Croce Bianca di Merate.

Leggi anche:  Insieme ad amici stupra la moglie da cui si stava separando e picchia il figlio

LEGGI ANCHE Due gravi incidenti sul lavoro in un giorno: i sindacati convocano assemblea urgente

Troppi infortuni

Sommando i dati INAIL e i dati provenienti dalle ATS da Gennaio a oggi sono state rilevate oltre 70mila  denunce di infortunio e quasi tremila denunce di malattia professionale. E il Lecchese non è immune da questa piaga. Ad ottobre drammatico infortunio anche a Gralate, all’interno dello stabilimento della Carlo Salvi con un 42enne che ha riportato un politrauma da schiacciamento.