Diga di Pagnona, secondo Enel la situazione è sotto controllo. In una nota ufficiale la società che gestisce la diga (foto di questa mattina  da facebook)  ridimensiona le problematiche che hanno spinto la Prefettura a evacuare buona parte dell’abitato di Dervio.

Emergenza maltempo: aggiornamento sulla situazione degli sfollati sul Lago e in Valle e le condizioni delle linee ferroviarie FOTO

Evacuazione a Dervio, Cassinelli: “Non sapevamo che la diga stesse tracimando” VIDEOINTERVISTA e FOTO

Paura in Valle: colate di fango, strade allagate, esondato il Varrone in Alto Lago. Sospesa la circolazione dei treni FOTO E VIDEO IN DIRETTA

Paura e danni per la super grandinata FOTO IMPRESSIONANTI

 La grandine distrugge i lucernari durante l’assemblea pubblica FOTO e VIDEO

Statale 36 interrotta per l’esondazione di due torrenti VIDEO

Frana a San Giacomo Filippo VIDEO

Maltempo, gravi danni alle colture soprattutto in Brianza FOTO

Il Lario esonda a Como: lungolago completamente chiuso alle auto

Maltempo, il Comune di Cisano vuole chiedere lo stato di emergenza FOTO

Diga di Pagnona, secondo Enel la situazione è sotto controllo

“In merito alle notizie circa la possibile tracimazione della diga di Pagnona in provincia di Lecco, Enel Green Power – la Società del Gruppo Enel dedicata alle energie rinnovabili – informa che l’impianto in questione non ha riportato nessun malfunzionamento né danno strutturale in seguito all’ondata di maltempo e non si ravvisa uno stato di emergenza tale da rappresentare una situazione di pericolo per la popolazione” si legge nella nota di Enel.

Leggi anche:  La bomba di Adro è esplosa: si torna alla normalità VIDEO

“In seguito alle abbondanti precipitazioni che hanno interessato l’area nelle ultime ore, sono state attivate – in accordo con gli enti preposti – le procedure standard applicate in caso di eventi di piena. Già dalle ore 13 la quota di invaso della diga era scesa al di sotto della soglia di allerta. Enel Green Power sta operando in stretta sinergia con tutti gli Enti locali – Regione, Protezione Civile, Prefetture di Lecco e Sondrio e Ufficio Dighe – per garantire la sicurezza del territorio”.