Crac delle Trafilerie Brambilla  di Calolziocorte: l’ex ministro Michela Vittoria Brambilla e il padre hanno versato 3 milioni per l’Iva.

Ennesimo capitolo del Crac delle Trafilerie Brambilla

Hanno estinto i debiti tributari pagando due milioni di euro all’Agenzia delle entrate per l’omesso versamento di Iva. Michela Vittoria Brambilla e il padre Vittorio hanno così definito la loro posizione per il crac delle Trafilerie del Lario – di cui l’onorevole sarebbe, secondo i giudici, amministratore di fatto – pochi giorni prima dell’udienza calendarizzata per il 23 gennaio davanti al giudice Massimo Mercaldo.  Già a ottobre padre e figlia avevano versato all’Agenzia delle Entrate un milione di euro per il mancato pagamento delle ritenute d’acconto.

Si torna in aula per il  reato di bancarotta patrimoniale dolosa

Chiusa questa partita l’ex ministro al Turismo e il genitore adesso devono rispondere del reato di bancarotta patrimoniale dolosa. I difensori dei due imputati hanno chiesto un rinvio per cercare di trovare un accordo con il curatore fallimentare. Si torna in aula il 26 giugno per verificare se la trattativa è andata in porto

Leggi anche:  Pedone investito sulla statale a Garlate: 83enne finisce in ospedale

Tutti i particolari sul Giornale di Lecco in edicola dal 29 gennaio