In tanti questa mattina hanno voluto salutare per l’ultima volta la bidella Celestina.

Fu bidella in due scuole elementari

Celestina Perucchini Anghileri aveva 78 e per decenni, fino al momento della pensione,  aveva prestato servizio come bidella in due scuole elementari del paese, Cesare Battisti, e Giacomo Leopardi. I funerali sono stati celebrati questa mattina nella chiesa Santo Spirito di Caserta, frazione di Valmadrera dove la donna ha sempre vissuto.

Una morte improvvisa

La morte di Celestina Perucchini è stata un fulmine a ciel sereno per i famigliari, amici e conoscenti. Poche ore prima del decesso la donna era in compagnia di un figlio e dei vicini di casa. Poi il malore, improvviso e fatale.

Un lungo servizio

Celestina aveva iniziato il proprio servizio come operatrice scolastica a 33 anni. Rimasta improvvisamente vedova  con due figli piccoli, aveva iniziato con entusiasmo questo lavoro, all’epoca alle dipendenze dirette del Comune.  Non voleva essere chiamata “operatrice scolastica”, ma semplicemente bidella, di tutti i bambini che amava come figli.
Un affetto ricambiato. Molti di questi alunni, ora uomini e donne adulti, hanno partecipato alla messa funebre di stamattina.

Leggi anche:  Torna il tradizionale Concerto di Natale con  l’Accademia Corale di Lecco

L’omelia funebre

Ad officiare la messa don Isidoro Crepaldi. “Celestina  ha vissuto la propria vita per il prossimo, come moglie, mamma, e bidella. Amata da tutti per il suo modo gentile di operare. Pur amando questa vita dobbiamo essere pronti anche a lasciarla, perciò  teniamoci pronti. È ancora la Fede, che ci dona conforto in questo momento di tristezza umana. Ora la nostra sorella  siede al banchetto di Dio  e sarà proprio Lui  a servirle il pranzo celeste. Chissà quante volte  lei avrà servito il pranzo ai suoi famigliari Ora è lei ad essere servita dal suo Creatore. Questa immagine di Celestina, ci doni serenità e conforto per continuare il nostro cammino terreno”.

Mario Stojanovic