Hanno provocato atti vandalici. Quindi, immortalati dalle telecamere, si sono trovati costretti a costituirsi direttamente nell’ufficio del sindaco. Quello che aspetta questi giovani di Cisano Bergamasco è ora una multa salata.

Atti vandalici, visti dalle telecamere

Un gruppo di ragazzi nella serata di mercoledì 7 agosto si è reso protagonista di alcuni atti vandalici: oltre a urlare e a disturbare la quiete pubblica, hanno preso a calci e distrutto lo sportello di un idrante. Il sindaco Andre Previtali nelle ore successive aveva diffuso su Facebook i fotogrammi delle telecamere di videosorveglianza che li immortalavano e i giovani si sono di fatto visti costretti a costituirsi, presentandosi nell’ufficio del primo cittadino. “I ragazzi che hanno commesso i danni agli sportelli degli idranti, segnalati qualche giorno fa, si sono presentati da me e credo che una giusta multa, il fargli ripagare i danni e “alcune” ore con dei lavori per la Comunità possano essere la soluzione giusta. Come sindaco e soprattutto come genitore, mi preoccupa di più vedere in mezzo a quel gruppo delle bottiglie di superalcolici. E se poi quei ragazzi avessero preso la macchina o la moto… sì, perché poi sotto l’effetto dell’alcol si sa che non si è più lucidi…e sappiamo tutti che qualche ragazzo, anche a causa di ciò, ha perso la vita!” ha affermato Previtali.

Incontri per adulti e ragazzi

“E non dovremmo scaricare sempre le colpe sugli altri, credo che sia doveroso prenderci le nostre responsabilità e preoccuparci tutti insieme di questi problemi – ha continuato il borgomastro – Proviamo, proviamo a far qualcosa! Dobbiamo prevenire l’irreparabile, basta volerlo!
Con l’aiuto dei servizi sociali e dei vigili inizieremo con l’organizzare degli incontri, per noi adulti e per i ragazzi; parleremo e affronteremo queste tematiche legate al disagio giovanile.  Questo è quello che vorrei fare per la mia comunità, per il mio paese e per i miei ragazzi.
Almeno ci provo”