Cisterna ribaltata il 4 gennaio, Statale 36 ancora bloccata.

Statale 36 ancora bloccata

Traffico ancora in tilt sulla Statale 36:  come riporta il giornaledimonza.it in direzione Lecco si viaggia su una sola corsia. Sono ancora le conseguenze del grave incidente avvenuto la mattina del 4 gennaio quando un cisterna, che trasportava benzina e gasolio, si è ribaltata. Per cause ancora da accertare il conducente di un autocarro «Mercedes» della ditta «Gea spa» di Castelnuovo Scrivia, che trasportava benzina e gasolio, L.L., classe 1977 di Milano, ha perso il controllo del mezzo pesante e si è ribaltato. Nella carambola sono rimasti coinvolti un’Audi A1, condotta da un uomo G.R.P. di 61 anni nato in Argentina residente a Mariano Comense, libero professionista, finito in ospedale a Desio, e un autocarro «Ducato» condotto da Z.J.G., commerciante 52enne residente a Sesto di nazionalità cinese che viaggiava con a bordo la moglie rimasta ferita. Ne avrà per 10 giorni. Ferito anche il conducente della cisterna finito in ospedale a Vimercate.

Traffico in tilt a Giussano

Sul posto sono intervenuti gli agenti della Polizia stradale di Seregno per i rilievi di rito e i Vigili del fuoco. Inizialmente la Statale 36 è stata chiusa in entrambe le direzioni. Nel pomeriggio la Valassina è tornata percorribile in direzione Milano mentre resta tuttora difficoltoso il traffico verso Lecco. La Polizia stradale ha predisposto tutta la segnaletica necessaria per indirizzare i veicoli verso percorsi alternativi. Inevitabili le ripercussioni sulle strade secondarie e nel centro di Giussano dove si continuano a registrare disagi.

Leggi anche:  Si schianta in bici contro la ringhiera e cade per tre metri: 17enne in condizioni serie FOTO

Un altro incidente nello stesso punto all’Epifania

Ieri (domenica 6 gennaio), in tarda mattina,  si è verificato nello stesso punto un tamponamento a catena. Quattro i veicoli coinvolti e 6 le persone finite in ospedale. L’incidente è accaduto alle 11.35, causato da un conducente che non si è accorto della coda.