Dolore che si aggiunge a allo strazio, rabbia che aumenta allo choc per la perdita di un uomo che stava facendo il suo dovere. S’ perchè emergino particolari sempre più inquietanti in merito alla tragedia che questa notte ha portato via un giovane padre dalle braccia dei suoi cari, un valoroso esponente delle forze dell’ordine e un amato volontario. Stiamo parlando di Emanuele Anzini, 41 anni, il carabiniere travolto e ucciso questa notte a Terno.

LEGGI ANCHE 

Falciato e ucciso a un posto di controllo: muore carabiniere

Dolore e choc per il carabiniere investito e ucciso

Carabiniere ucciso il giorno prima del suo compleanno, “Un sacrificio che fa arrabbiare e commuovere”

Secondo i primi elementi raccolti dagli agenti della Polizia Stradale di Bergamo che indagano sulla drammatica vicenda, sembra che l’uomo alla guida dell’auto che ha travolto l’appuntato fosse sotto l’effetto sostanze alcoliche. Di più  sembra che nel sangue di M. C., 34 anni, residente a Sotto il Monte e cuoco di professione, scorresse una quantità dei alcol circa 5 volte superiore al consentito.

Leggi anche:  Nell'incidente costato la vita a Fabio Buzzi "miracolato" il lecchese Mario Invernizzi, sbalzato dalla barca

Al suo investitore era già stata ritirata la patente per guida in stato di ebbrezza

Non solo ma durante le indagini, sfociate nell’arresto dell’uomo, è emerso che solo lo scorso anno gli  era già stata ritirata la patente per guida in stato di ebbrezza.

Il cordoglio dell’Arma per il carabiniere ucciso