Grave incidente in apertura della Pesa Vegia di Bellano,  la tradizionale rievocazione storica in programma per questa sera. A causa del forte vento un grosso cipresso si è schiantato su un muro di cinta, travolgendo due passanti in piazza San Giorgio.

Tragedia sfiorata alla Pesa Vegia

E’ accaduto attorno alle 20.40, nella centralissima piazza della chiesa. Grande dispiegamento di mezzi di soccorso sul posto. Vigili del fuoco del distaccamento di Bellano, Protezione civile, Carabinieri e Polizia locale del paese sono accorsi insieme a tre ambulanze e ad un’auto medica allertati dal 118 in codice rosso.

Cipresso abbattuto dal vento

Stando alla ricostruzione degli eventi, uno dei cipressi del giardino della casa parrocchiale, sferzato dalle raffiche di vento che soffia incessante dal mattino, ad un certo punto è precipitato sul muro di recinzione limitrofo alla piazza, fermandosi a ridosso di un edificio.

Il crollo del muro ha colpito due persone

I rami, ma soprattutto le pietre crollate nella strada sottostante, hanno investito due persone. Si tratterebbe di un uomo di 44 anni e di una ragazza di 24 che transitavano di lì per caso. I due avrebbero riportato per fortuna solo traumi lievi. Sono entrambi stati ricoverati all’ospedale di Lecco.

Piazza chiusa al pubblico

L’evento ha messo in forse l’avvio della manifestazione. Sul posto, per prendere atto della situazione con tutte le valutazioni del caso, anche il sindaco Antonio Rusconi e il vicesindaco Thomas Denti. Da piazza San Giorgio sarebbe dovuto partire il corteo del cosiddetto “Tiro delle pese”. In attesa della decisione se proseguire o sospendere la Pesa Vegia, il punto di avvio è stato spostato sulla strada e la piazza chiusa al pubblico.

Leggi anche:  Super 36: la carreggiata nord riapre entro 3 settimane

Si temono altri schianti

Il timore è infatti che, a causa del vento incessante, possano magari schiantarsi altri alberi. Già nel pomeriggio l’Amministrazione comunale era intervenuta in via preventiva, facendo abbattere un cipresso che destava preoccupazione. Ma non è bastato a scongiurare il peggio.

Aggiornamenti nel proseguo della serata.