Un agguato in piena regola. Due auto che ne affiancano un’altra e una raffica di colpi d’arma da fuoco (calibro 9) che fredda il conducente. Una scena da film avvenuta venerdì (18 ottobre 2019) nel centro di Boca Chica, località turistica dell’isola caraibica molto frequentata a una ventina di chilometri dalla capitale Santo Domingo.

La vittima è un imprenditore di Sondrio, Nicola Gerosa, di 57 anni, titolare di diversi locali sul’isola (in quel momento si stava recando al “Piano bar” in calle Duarte). Illesa la moglie, Yenifer Clamont, che sedeva accanto a lui in macchina.

Agguato in Repubblica Dominicana

Che sta succedendo a Santo Domingo? L’omicidio arriva infatti a pochi giorni di distanza dall’assassinio di un altro italiano, il sardo Pietro Testori, ritrovato morto sul letto di casa sua con mani e piedi legati (ma per quel fatto ha già confessato una giovane del posto con cui il pensionato aveva avuto una relazione).

Leggi anche:  Insieme ad amici stupra la moglie da cui si stava separando e picchia il figlio

Ucciso imprenditore valtellinese, interrogato il socio

Come riporta il nostro GiornalediSondrio.it, gli inquirenti che si occupano del caso Gerosa sembra abbiano fermato il socio, Cristian Besana, 42 anni, per interrogarlo. I due, si legge, figurano come titolari della Inmobiliaria C.N. di Boca Chica.

La Farnesina, contattata dal nostro gruppo Netweek, conferma che sta prestando ai famigliari del concittadino lombardo morto tutta l’assistenza possibile.

CONTINUA A SEGUIRE TUTTI GLI SVILUPPI DEL CASO SU GIORNALEDISONDRIO.IT

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Fermata una coppia di italiani, casalinga lei ed imprenditore lui, da tempo residenti nella Repubblica Dominicana, che rientrava in Italia attraverso il valico ferroviario internazionale di Chiasso con al seguito un’ingente quantità di denaro contante.