Verranno celebrati giovedì 26 settembre alle  15 nella parrocchia della Beata Vergine Assunta a Ballabio i funerali di Pablo Carotta, scomparso ieri a soli 50 anni. Carotta, residente a Ballabio e dipendente di una ditta del paese, ha lottato contro un male al quale purtroppo si è dovuto arrendere lasciando nello sconforto la figlia Arianna e la moglie Katia Negri.

In Lapponia in bici per consegnare le letterine dei bimbi a Babbo Natale

Il sorriso dolce: questo il tratto caratteristico dell’uomo la cui scomparsa ha destato profonda commozione. Grande, grandissima la passione del 50enne per la bicicletta, in particolare per la mountain bike. Nel 2008, proprio in sella alla sua due ruote compì una vera propria impresa, tanto pregevole dal punto di vista sportivo, quanto dolce e toccante per le finalità. Insieme a Renato Bailo, Tore Panzeri ed Elio Brenna raggiunse la Lapponia.

 

Elio Brenna, Pablo Carotta, Renato Bailo, Tore Panzeri

Quattromila chilometri percorsi da quattro uomini in sella a quattro mountain bike attraversando Italia, Svizzera, Germania, Svezia per raggiungere la Finlandia durante la stagione meno adatta agli amanti delle due ruote. Un viaggio, non una gara, che li portò nella leggendaria città di Babbo Natale per recapitare le letterine dei bambini di Ballabio direttamente nella mani di Santa Claus.

Offerte alla Fabio Sassi

La camera ardente di Carotta sarà allestita nell’abitazione di via Confalonieri 53 fino alle 14 di domani. La famiglia, in un ultimo gesto di generosità ha chiesto a  quanti parteciperanno alla ceriminia funebre di don donare fiori, bensì di devolvere eventuali offerte all’associazione Fabio Sassi che gestisce l’Hospice il Nespolo di Airuno.

Leggi anche:  Ballabio, il grande Stefan Glowacz ospite al centro polifunzionale Ventaglio FOTO

Addio Pablo, ciclista con il cuore grande

Come spesso accade quando viene a mancare una persona tanto conosciuta e amata, il dolore viene riversato anche in rete dove in queste ore si stanno moltiplicando gli omaggi nei confronti del 50enne. Amici, colleghi, parenti hanno voluto dire addio a Pablo ricordando la sua grande umanità.

“Ciao Pablo è arrivata  la notizia che te ne sei andato. Tutto ciò ha lasciato un vuoto incolmabile nei cuori dei tuoi colleghi , che ti stimavano per  il grande uomo che eri . Pablo non ti dimenticheremo, sarai sempre nei nostri pensieri e vicino alla tua famiglia per il grande dolore . Ciao Pablo riposa in pace e da lassù proteggici”

“Cuginetto, non riesco a credere che tu sia andato in paradiso. Bada a tutti quelli che ti vogliamo bene da lì. Le mie condoglianze ai miei zii e cugini così cari. Non ti dimenticheremo mai”.

“E’ venuto a mancare un caro amico di pedalate. Pablo io ti voglio ricordare così durante una delle nostre uscite in Mountain bike”.