Addio a Enrico Colombi. Valmadrera piange uno dei suoi storici imprenditori.

Scomparso Enrico Colombi

Si è spento ieri mattina, sabato, all’età di 89 anni, Enrico Colombi, fondatore dell’omonimo mollificio di viale 25 Aprile, azienda che oggi dà lavoro a oltre 80 dipendenti. Una personalità molto conosciuta e stimata in città, dove ha trascorso buona parte della sua vita, al fianco della moglie Gabriella e delle figlie Laura e Daniela.

Un’azienda avviata nel 1952

Nativo di Borgo di Terzo, in provincia di Bergamo, da ragazzo si era trasferito con la famiglia a Malgrate. Spostatosi a Valmadrera, qui nel 1952 inaugurò la sua attività nell’ambito della produzione di molle e minuterie metalliche. In breve, grazie alla sua lungimiranza e alle sue capacità imprenditoriali, Colombi seppe portare la sua azienda a una rapida crescita. Tanto che oggi il mollificio valmadrerese rappresenta una delle più importanti realtà del settore a livello nazionale.

Una vita dedita al lavoro

“Nostro padre ha dedicato tutta la vita al suo lavoro e alla sua famiglia” raccontano le figlie Laura e Daniela.  “Ricorderemo sempre la grande passione con cui ha condotto l’azienda. Non scorderemo gli insegnamenti che ci ha lasciato”.

Leggi anche:  Maxi incidente sulla Provinciale: coinvolti 4 ragazzi SIRENE DI NOTTE

Le condizioni di Enrico Colombi si sono aggravate negli ultimi giorni, fino al decesso avvenuto sabato mattina, all’ospedale di Lecco. I funerali si terranno martedì alle 9.30 nella chiesa del Santo Spirito, in frazione Caserta.

Lascia in eredità tre borse di studio

Dando seguito alle ultime volontà espresse dall’imprenditore, i suoi cari istituiranno tre borse di studio a lui intitolate riservate ai dipendenti del mollificio, che verranno assegnate in occasione del Festival della meccanica, in programma a Lecco dal 28 novembre all’1 dicembre. Un modo importante per tenere viva nel tempo la memoria di Enrico Colombi e della grande attenzione che il valmadrerese ha sempre riservato al personale della sua azienda.
In un ultimo atto d’amore, i familiari dell’imprenditore hanno inoltre autorizzato l’espianto delle cornee.