Comprare casa è ancora oggi uno degli obiettivi di molti giovani e molte famiglie. Questa spesa infatti è un investimento che si fa per il proprio futuro e per la propria famiglia. Stare in affitto non vale la pena, specialmente dal momento che le locazioni ultimamente hanno raggiunto cifre da capogiro. Con quello che si spende per pagare un affitto, sostanzialmente, si paga tranquillamente un mutuo, anche se è chiaro, tuttavia, che bisogna riuscire a farselo dare.

Comprare un immobile, comunque, non è cosa semplice e per questo di solito il consiglio è quello di rivolgersi a personale esperto che fa della ricerca della vostra casa ideale la propria professione. È vero, anche gli agenti immobiliari prendono sicuramente una percentuale sulla vendita, ma tutelano da molti problemi che ci sono nell’acquisto di una nuova casa. Le cose da tenere conto sono infatti moltissime e in un mondo dove le truffe anche nell’immobiliare sono all’ordine del giorno, meglio tutelarsi.

In base a quanto detto, quindi ecco subito la prima regola per comprare casa: rivolgersi ad un’agenzia immobiliare. Quale? O ne avete una di fiducia o altrimenti controllate gli annunci che hanno sul sito e se c’è qualcosa che può interessare, contattatela. Un esempio: date un’occhiata agli appartamenti in vendita su Tecnocasa! C’è qualcosa di allettante? Contattate l’agenzia. Non è impegnativo e rende tutto molto più semplice e sicuro.

Trovare la casa perfetta ed evitare la “fuffa”

Regola numero 2: definire la zona

Quando si cerca casa le cose da fare sono già tante e l’impresa è già dura di per sé. Ecco quindi l’importanza di evitare le perdite di tempo come ritrovarsi a guardare una casa in una zona dove non si andrebbe mai a stare. Definire l’area dove si è disposti ad andare ad abitare è importantissimo per fare una prima scrematura degli appartamenti.

Regola numero 3: quanto grande deve essere

Per scremare ulteriormente gli appartamenti a disposizione è importante capire quanto grande debba essere la casa. Se si vuole un trilocale a Milano, è inutile cercare fra i bilocali, no? Ecco che quindi è importante capire quante stanze minimo debba avere la casa che si cerca. È chiaro che si parla di numero minimo di stanze nel senso che chi cerca un trilocale può accogliere di buon grado anche un appartamento con 3 stanze da letto, una camera in più, infatti, può essere sempre utile. È bene prestare attenzione: i metri commerciali sono differenti dai metri effettivi calpestabili.

Leggi anche:  Il gesso fa più bella la casa

Regola numero 4: che tipo di casa?

Si vuole una casa nuova, un immobile “usato” o una casa ristrutturata? Va bene un appartamento o si vuole una casa singola? Un primo piano terra, una mansarda o un piano centrale? Queste informazioni sono importantissime e aiutano a scremare ulteriormente il ventaglio di proposte che ci sono. Per alcuni ha molta importanza anche l’esposizione al sole, se siete fra questi, va verificata.

La regola numero 5: verifiche sulla casa

Per sicurezza, una volta trovata una casa interessante bisognerebbe verificare tutte quelle cose che fanno di quella la casa giusta. Essa deve essere a norma e in regola con la legge, nonché libera da vincoli o pendenze. Nello specifico bisogna: – Informarsi su chi è l’effettivo proprietario di casa. Se è unico intestatario, se ci sono ipoteche, se ci sono dentro affittuari, mutui pendenti, se non è coinvolta in cause giudiziarie etc.

  • Informarsi se la documentazione urbanistica è a posto con la legge e con il catasto.
  • Sapere che classe energetica è la casa, visto che incide sul prezzo e sui costi in bolletta.
  • Controllare che gli impianti siano a norma e funzionanti.
  • Se ci sono spese condominiali, se sono state tutte pagate e a quanto ammontano.
  • Se sono previsti interventi di manutenzione straordinaria a breve.

Chi si rivolge all’agenzia può non preoccuparsi di tutta questa parte, che è quella più ardua e “pericolosa”, una bella fortuna.