Dopo l’escalation di episodi di violenza sui treni, tra i quali anche l’aggressione di una giovanissima picchiata e derubata in stazione a Calolzio, era stato tra i primi a chiedere che sui convogli venissero messi i militari. Ora l’assessore regionale alla sicurezza ha deciso di venire a Calolzio per visitare proprio lo scalo ferroviario.

De Corato in stazione a Calolzio

Sabato 2 giugno alle 9:30 o De Corato, accompagnato dal coordinatore provinciale Fratelli d’Italia Lecco Giacomo Zamperini, arriverà in fatti stazione a Calolziocorte per poterne constatare di persona la più volte denunciata situazione critica della sicurezza. Non solo ma la visita calolziese ha anche l’obiettivo di la campagna elettorale di Fabio Mastroberardino (già sostenuta anche da Daniela Santanchè), candidato in consiglio comunale, che proprio sul tema della sicurezza ha fissato una delle priorità del suo programma.

Seconda tappa domenica per sostenere l’elezione diretta del Presidente della Repubblica

Raggiungerà poi i dirigenti provinciali e i militanti del partito al banchetto, già presente dalle ore 9 in corso Dante, organizzato – anche domenica 3 giugno sempre in corso Dante – per supportare la raccolta firme a favore dell’elezione diretta del Capo dello Stato.

Leggi anche:  Il cavalcavia di Isella (già chiuso) nella mappa italiana dei ponti a rischio. LE FOTO DEI PONTI CHE FANNO PAURA IN LOMBARDIA

“La mobilitazione nazionale indetta da Fratelli d’Italia nelle giornate del 2 e del 3 giugno è motivata ora più che mai a ribadire che la nostra sovranità nazionale, come sancisce l’art. 1 della Costituzione, appartiene non ai mercati o ai commissari europei al bilancio MA al popolo italiano, il quale la esercita nel suo diritto e nella sua libertà di voto e di scelta dei propri rappresentanti all’interno delle Istituzioni” fanno sapere da Fratelli d’Italia.