Sicurezza in via Pilata, questo il nome del comitato nato dall’unione di alcuni residenti contrari alla riapertura a doppio senso di circolazione della strada di Olgiate Molgora, più volte annunciata dall’Amministrazione guidata da Giovanni Battista Bernocco.

Il malcontento dei residenti

Non sono rimasti con le mani in mano i residenti di via Pilata, decisamente scontenti dopo i due incontri con il sindaco Giovanni Battista Bernocco, l’assessore ai Lavori pubblici Cristina Viola (carica adesso passata a Matteo Fratangeli) e il consigliere con delega alla Viabilità Tommaso Veraldi. Il primo cittadino, già in campagna elettorale, aveva annunciato la ferma decisione di riaprire la via, molto battuta da chi cerca di evitare il traffico della provinciale Como-Bergamo negli orari di punta. I residenti di via Pilata avevano però espresso la loro contrarietà, parlando di scarsa sicurezza, pericoli per pedoni e ciclisti, sorpassi selvaggi in prossimità dei dossi, transito coatto di camion e pullman turistici.  Nemmeno l’ultimo incontro con i rappresentanti dell’Amministrazione e la spiegazione del progetto (che prevede l’installazione di semafori intelligenti e telecamere, a cui faranno seguito i marciapiedi e una rotonda) hanno però persuaso i residenti.

Nasce un comitato per la sicurezza

I residenti hanno quindi deciso di unire le loro forze, protocollando proprio questa mattina in municipio l’atto di costituzione spontanea del comitato “Sicurezza in via Pilata”. I membri, già 45, sono tutti cittadini della zona, che si sono uniti per tutelare la sicurezza e la salute. Questa sera, in occasione del Consiglio comunale, si tornerà a parlare della riapertura a doppio senso della via, attraverso un’interrogazione presentata dalla minoranza “Uniti per Olgiate”.