Al via un innovativo progetto di welfare condominiale nel complesso di via Belvedere 35, individuato come terreno di prova ideale. A lanciare la sfida il settore politiche sociali del Comune di Lecco, Living Land e l’Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari (Anaci) di Lecco, con il supporto economico di Acel Service.

Il progetto

Il progetto denominato “Prove di welfare condominiale in via Belvedere 35” è promotore di una nuova coesione e collaborazione sociale tra condomini e territorio di appartenenza. Al centro le relazioni e la condivisione di esperienze per creare una rete di vicinanza e supporto tra gli abitanti del condominio. Occasioni di incontro, di socializzazione e integrazione tra condomini non mancheranno. Ma un’attenzione particolare sarà riservata agli anziani e a tutti coloro che presentano fragilità e disagio sociale o socio-sanitario. Sarà compito di enti, associazioni e istituzioni instaurare una relazione per proteggere e preservare il benessere della comunità.

Il telemonitoraggio

Nei tre edifici del complesso condominiale di via Belvedere 35, nel quartiere Santo Stefano, verrà sperimentato il telemonitoraggio domiciliare. Si tratta di sistema personalizzato in grado di “apprendere” le abitudini della persona e di generare allarmi in caso di anomalie. Per farlo non utilizza telecamere ma sensori di movimento, sensori di porta e una centralina.

Leggi anche:  Dopo le giostre, a Pescate arrivano anche i bagni inclusivi

“Il condominio è un microcosmo sociale importantissimo” – ha voluto precisare Riccardo Mariani assessore alle Politiche sociali – “È una piccola comunità dentro la comunità dove convivono persone, storie, appartenenze diverse con le loro fatiche, vulnerabilità, ma anche con le loro risorse”.