Lecco dà una “spolverata” ai monumenti di due illustri concittadini, ma anche del patriota ispiratore dell’Italia unita e repubblicana. Lunedì prossimo 10 giugno inizieranno infatti  lavori di recupero dei mezzi busti di Pietro Vassena, Antonio Ghislanzoni e Giuseppe Mazzini. I primi due sono collocati sul lungolago Isonzo, in terzo nell’omonima piazza.

La ditta Luzzana restaura i tre monumenti

Gli interventi saranno realizzati senza alcun esborso da parte dell’Amministrazione comunale. La nota ditta Luzzana Restauri di Civate, specialista nel restauro e conservazione di statue ed altri beni architettonici ed artistici, si è infatti offerta di operare gratuitamente per il bene della città.

L’inventore, il letterato e il politico

Il intervento riguarderà il mezzo busto che ritrae l’inventore del batiscafo C3, Pietro Vassena. E’ composto da un blocco in granito cuneiforme su cui è applicato il bronzo. Dei tre monumenti è il meglio conservato. L’intervento prevede la pulitura del granito e l’eventuale stesura di un protettivo. Ma anche la scultura verrà protetta con un’apposita cera.

Il mezzobusto in bronzo dello scrittore e librettista Antonio Ghislanzoni, che poggia su di un piedistallo in granito, versa invece in cattive condizioni. Colpa dei depositi di sporco di vario genere, ma anche delle evidenti formazioni di colore verde, prodotte dalla corrosione del rame.

Leggi anche:  Le modifiche alla viabilità lecchese della prossima settimana

Per concludere, il monumento dedicato a Giuseppe Mazzini. E’ costituito dal mezzobusto in bronzo del patriota. Su basamento in granito è riportata l’epigrafe di Giosuè Carducci posta sulla tomba del patriota. Il restauro non sarà di poco conto, visto che occorre ripulire il granito, stuccarne le fessure e ritoccare le lettere incise.

Il commento di Valsecchi

“Siamo molto contenti che attraverso il restauro conservativo si possano ricordare e si possa rendere omaggio a tre personaggi illustri della storia del nostro Paese” Così l’assessore al patrimonio del Comune di Lecco Corrado Valsecchi. “Pietro Vassena, Antonio Ghislanzoni e Giuseppe Mazzini sono personalità differenti. Ma tutti e tre hanno saputo distinguersi ed eccellere nei rispettivi campi, della scienza, della cultura e della politica. I monumenti loro dedicati, situati nel cuore della città di Lecco e sul suo lungolago, meritano l’attenzione particolare e professionale che ora finalmente siamo in grado di dedicare loro”.