L’obiettivo è infatti quello di realizzare le aule per ospitare la prima e la seconda superiore nella scuola intitolata al missionario del Pime, originario di Santa Maria Hoè, che fu assassinato sull’isola di Mindanao il 17 ottobre del 2011. Un evento senza precedenti, poiché si tratterebbe della prima scuola superiore nella storia dell’Arakan Valley.

Chi si sta occupando di raccogliere i fondi necessari per queste opere è l’associazione «Non dimentichiamo padre Fausto Onlus», attraverso il 5×1000 che partirà a breve, uno strumento totalmente gratuito e che tutti, pensionati compresi, possono donare. Ma non solo, perché le iniziative dell’associazione per raccogliere fondi sono diverse. A partire da quelle previste durante l’anno, come la “vendita” del riso, del calendario e del libro sulla storia di padre Fausto nelle piazze e davanti alle chiese. Fino ad arrivare alla campagna di raccolta fondi, proprio in questo periodo, delle uova di Pasqua, passando anche per quella dei biglietti della lotteria disponibili dal lunedì di Pasquetta, con estrazione finale che si svolgerà nella serata di sabato 8 giugno durante la festa di inizio estate in oratorio a Santa Maria Hoè.

Padre Fausto morì assassinato, lasciando un vuoto incolmabile tra la gente dell’Arakan Valley che aveva trovato in lui un punto di riferimento e una guida. E proprio poco dopo il funerale (fu seppellito nelle Filippine), nel febbraio del 2012 nacque l’associazione, dall’idea dei suoi famigliari di continuare a portare avanti il desiderio del missionario di costruire la «Valle della Speranza» proprio nel territorio poverissimo dell’Arakan Valley.

Leggi anche:  Striscione per Sara

«Oggi la nostra associazione è attiva su quattro aree di intervento: acqua e igiene, il progetto scuola, la distribuzione del cibo e l’assistenza sanitaria – ha spiegato il presidente Andrea Tentorio, nonché nipote di padre Fausto, che era suo zio – Realizziamo la costruzione e la manutenzione di acquedotti nei 51 villaggi dell’Arakan Valley, sosteniamo oltre 4mila e 500 bambini che frequentano le scuole della missione, con consegna del materiale scolastico e vestiario. Inoltre distribuiamo diverse volte l’anno riso e viveri all’interno dei villaggi della foresta, arrivando fino alle zone più difficili da raggiungere. E infine, ogni due o tre mesi, eseguiamo delle missioni sanitarie garantendo vaccinazioni e piccoli interventi chirurgici, ma anche consegnando medicinali e materiale per il primo soccorso».

5x1000

Tuttavia negli ultimi due anni l’associazione si è concentrata principalmente sulla costruzione di nuove scuole all’interno dei villaggi. Il prossimo obiettivo è infatti l’ampliamento di una scuola che da giugno ospiterà studenti dalle materne alle superiori a Sitio Patagan. «Questo consentirà una diminuzione dell’abbandono scolastico nell’età compresa tra i 15 e i 18 anni e permetterà di realizzare un futuro migliore partendo proprio dalla scuola» ha evidenziato Tentorio.

Chi volesse avere informazioni sui progetti dell’associazione può consultare la pagina Facebook, il sito web www.padrefausto.org oppure chiamare il numero 333-2327226.