All’ingresso della Residenza Medale dell’istituto di Lecco Airoldi e Muzzi è stato allestito un presepio realizzato dagli ospiti che partecipano al laboratorio di terapia occupazionale del piano 0 della Residenza, condotto da una fisioterapista (Paola) e da una terapista occupazionale (Sara), assistita dalla volontaria Anna.

Un presepe scalda il cuore dell’Airoldi e Muzzi

Gli ospiti hanno lavorato con molta passione ed entusiasmo riuscendo a realizzare tutte le tegole, i mattoni, le case di un piccolo paese che si raccoglie attorno alla capanna per aspettare la nascita di Gesù. In particolare, gli ospiti hanno preparato le case del presepe, utilizzando scatole di cartone trattate con gesso e scagliola e poi dipinte, mentre le tegole e i mattoni di decorazione sono fatti con il DAS Creta. Per i personaggi del presepio sono state utilizzate statuine in terracotta di un presepio realizzato dagli ospiti alcuni anni fa. Il fondale è stato preparato da un’ospite (Giovanna) e lavorato con la tecnica del telaio a nodo turco. All’inizio del laboratorio  il signor Alberto Carissimi del gruppo GAO di Olate, esperto nella preparazione di presepi, ha offerto qualche consiglio su come realizzare le casette.

Leggi anche:  Lario Reti organizza un open day all'impianto di depurazione di Calolziocorte