Inaugurato questa mattina un pannello che “dà voce all’acqua del Caldone”.

Un pannello in via Porta

La cerimonia tenutasi in via Carlo Porta ha coronato un progetto di “cittadinanza attiva” che ha visto collaborare, in sinergia tra loco e con l’Amministrazione comunale,  tre realtà dell’associazionismo culturale e della scuola lecchesi. Università di Lecco per Adulti e Terza Età, Lions e Liceo Manzoni sono gli artefici del pannello illustrativo posto all’inizio del frequentatissimo vicolo pedonale che collega il centro cittadino alle Meridiane passando sotto il ponte della ferrovia. Una strada parallela al torrente Caldone, il che ha appunto ispirato la ricerca sulla “chiusa di via Porta”, un’opera idraulica che molto racconta di Lecco, del suo sistema di attività produttive e di relazioni sociali.

Il Manzoni ci ha messo le parole

“Il Gerenzone, il Caldone, il Bione, insieme agli altri corsi minori hanno svolto un ruolo importante nel delineare il paesaggio urbano di lecco e nel costruire un complesso sistema di attività e relazioni sociali. Riscoprire l’acqua vuol dire capire la città: ecco perché abbiamo dato voce all’acqua del Caldone” si legge nel pannello. Il testo che compendia la ricerca storica è stato elaborato dagli studenti del liceo classico Manzoni. Gli studenti del Linguistico Manzoni lo hanno poi tradotto in inglese nella versione fruibile grazie ad un QCode. “Per i nostri ragazzi questo lavoro è stato un’opportunità per conoscere angoli della nostra città che forse possono sembrare meno significativi” ha detto il preside Giovanni Rossi, soddisfatto dell’esperienza capace di coniugare una “attività scolastica a tutti gli effetti” con una pratica di “cittadinanza attiva”.

Unitrè e Lions la voglia di fare per la città

Quest’ultimo aspetto dell’iniziativa è stato sottolineato da Danilo Francesco Guerini Rocco, rettore della Università della Terza Età. “E’ una importante tappa di un percorso di crescita e sviluppo che sta mettendo diverse realtà a servizio della città. E’ la dimostrazione che quando si ha volontà di lavorare insieme per la propria città diventa facile e semplice ottenere risultati”. Il pannello  è frutto di un impegno assunto da Unitrè e da Lions, di valorizzare via Carlo Porta come possibile luogo di incontro, cultura e aggregazione. L’accordo ha durata decennale e punta a restituire decoro attraverso la cultura a quest’angolo di Lecco.

Leggi anche:  Via l'amianto da Bellano e Vendrogno

“E’ la dimostrazione di come si possa realizzare la solidarietà facendo rete. E di come la cultura porti la voglia di aprirsi agli altri, abbattere muri e costruire ponti”. Così Carlo Sironi, vice governatore dei Lions Distretto 108 IB1 che hanno finanziato il progetto. “Il nostro servizio alla città in questi anni si è aperto ad attività sussidiarie in collaborazione con altre realtà. per queste iniziative i Lions ci sono”

Lode al Don Guanella

Ma il pannello è solo un pezzo del puzzle. L’assessore al patrimonio Corrado Valsecchi ha lodato l’iniziativa che è “ricerca, studio, volontà di far conoscere meglio il nostro patrimonio storico”. “Quando mi avete sottoposto l’idea, sono stato io ad indicarvi proprio questo punto della città. Lo stesso alla cui pulizia quotidiana provvede il Don Guanella. Ed è il percorso pedonale più frequentato della città, quanto e più di via Roma, almeno nei giorni feriali”. uno snodo importante per cui l’assessore si è assunto qualche impegno in più. “Presto andremo a fare interventi di pavimentazione, di rifacimento della massicciata che divide la strada dal torrente…” l’annuncio. E che ciascuno faccia la sua parte.