Un taglio radicale che coinvolgerà ben 6.800 viaggiatori e 157 corse dei treni che rischiano di scomparire dagli orari ufficiali per essere sostituite solo in parte da bus.

Una vera e propria rivoluzione quella che attenderà i pendolari brianzoli, più in generale, lombardi, a partire dal prossimo 9 dicembre. Mano a mano che ci avviciniamo alla data fatidica del 9 dicembre (cioè da quando entrerà in vigore l’orario invernale) si fa sempre più preciso il l’elenco delle corse che verranno tagliate o ridotte per far posto ai bus.

LEGGI ANCHE  Treni, protesta del Pd davanti al Pirellone

Al momento, è bene chiarirlo, si tratta di una proposta che il mamagement di Trenord ha predisposto e sottoposto a Regione Lombardia. E che attende il via libera dalla Giunta Fontana.

Le linee lecchesi

Due le linee utilizzate dai “nostri” pendolari che dovrebbero subire degli “alleggerimenti”: la Colico-Sondrio, Lecco-Colico.

LEGGI ANCHE  Maniaco in treno si tocca davanti a una studentessa e viene filmato

Milano-Saronno

Per la Milano-Saronno si prospetta un taglio del 50% delle corse nei giorni festivi. La proposta prevede di tagliare il servizio S1 tra Milano Bovisa e Saronno lasciando in questa tratta solo la linea S3 con un treno ogni 30 minuti. Un tagio che influirà direttamente sui  viaggiatori di di Saronno Pertusella, Cesate, Garbagnate Milanese, Bollate e Novate Milanese.

Saronno-Seregno

Rischia la scure dei tagli anche l’offerta lungo la Saronno-Seregno con una riduzione del servizio S9 ogni 60 minuti nelle fasce orarie tra le 9 e le 12 e dopo le 21 di ogni giorno.  Per questa tratta Trenord prevede di rivedere i treni che faranno fermata nelle stazioni di Ceriano Laghetto Groane e Cesano Maderno Groane.

Leggi anche:  Villaggio di Natale di Lecco, parla un espositore: "Enorme dispiacere per la mia città: figura che non meritiamo"

Milano-Seveso-Asso

LEGGI ANCHE Treni promessi “dirottati” a Genova: “Ulteriore beffa per i pendolari”

A rischio tagli anche la linea Milano-Seveso-Asso. In questo caso trenord Trenord ha “provvedimenti irrilevanti, ma che sono adottati per migliorare la puntualità di una linea critica”. Tra questi il cambio di capolinea dell’S4 715 che non andrà più a Camnago ma a Mariano Comense e viceversa l’S2 12615 che da Mariano arriverà a Camnago. Un’altra novità che riguarda da vicino i pendolari di Palazzolo, Paderno Dugnano, Cusano e Cormano sarà la soppressione dell’S4 12918 nel periodo non scolastico. Sparirà dagli orari ufficiali dal 10 giugno al 10 settembre.

Colpite anche le aree del bargamasco e del bresciano

LEGGI ANCHE  Studente pendolare filma, con ironia, un anno di disservizi sui treni VIDEO

Tra le aree più colpite dai tagli troviamo anche quele del bergamasco e del bresciano. I viaggiatori della Seregno-Carnate e della Rovato-Bornato potranno dire addio ai convogli per sei mesi: meglio abituarsi agli spostamenti in bus. Sulla Piadena-Brescia, al posto di otto convogli ci saranno i bus. Un solo viaggio per il tratto da Parma a Brescia. Non mancheranno anche modifiche sulla Pavia-Codogno, Pavia-Vercelli, e la Pavia-Alessandria.  Invece sono previsti tre tagli, nel weekend, alla linea che collega Milano a Varese. Nel comasco servizio a cadenza oraria sulla tratta che si collega con Chiasso.

Tagli infine sulla Codogno- Cremona con una serie di autobus al posto di una decina di convogli.