Regione Lombardia ha tempestivamente supportato Anas, insieme alla Prefettura di Lecco, nei lavori che hanno consentito di riaprire la carreggiata sud della Superstrada Ss 36 lo scorso lunedì 29 aprile. Anas ha affidato i lavori riguardanti la posa di barriere paramassi lungo tutto il versante interessato dai crolli e riferisce che queste misure consentiranno di riaprire la carreggiata nord della Statale entro tre settimane”, ha spiegato l’assessore regionale a Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile Claudia Maria Terzi rispondendo in Consiglio a un’interrogazione presentata dal consigliere del Pd Raffaele Straniero.

LEGGI ANCHE Statale 36, Straniero: “Interveniamo subito e pensiamo alle Olimpiadi”

Super 36, Terzi: “Regione ha finanziato interventi sulla Sp 72”

“Per quanto riguarda la Sp 72 – ha proseguito Terzi – Regione Lombardia ha finanziato con 200.000 euro gli interventi di ripristino del tratto in località Tre Madonne nel Comune di Bellano. Conseguentemente, il Comune di Bellano ha avviato la procedura di gara” . I lavori inizieranno domani e dureranno una quarantina di giorni.

LEGGI ANCHE Il Governatore Fontana a Lecco: “Terza corsia della Statale 36? Oggi è una utopia”

Leggi anche:  Stop alle auto davanti all'asilo: arriva l'area pedonale

Per il tratto della Sp 72 in località Fiumelatte, nel Comune di Varenna, gli interventi di ripristino sono di competenza del Comune e divisi in due lotti, di cui il primo è in fase di appalto con tempi di esecuzione definiti in circa 30 giorni. Il secondo lotto sarà oggetto di un altro bando con tempi di esecuzione anche in questo caso stimati in 30 giorni. Il costo complessivo è di 90.000 a carico del Comune, che ha inoltrato richiesta di finanziamento alla Regione (D.G. Territorio e U.T.R. Lecco).

Il tavolo di lavoro

LEGGI ANCHE  Il futuro delle Olimpiadi 2026 passa anche per… la Statale 36

“Sarà attivato un tavolo di lavoro con Anas e gli enti territoriali per affrontare insieme le criticità della SS 36 / SS 38 – conclude Terzi -. Stiamo ragionando sulle modalità ipotizzando una riunione plenaria e specifici gruppi più ristretti, visto il numero degli enti coinvolti. In ogni caso il confronto con Anas da parte nostra resta costante”.