Si è riunito nei goirni scorsi  in Prefettura, presieduto dal Prefetto di Lecco Michele Formiglio, il gruppo di lavoro per l’esame dei Piani di Emergenza Interni trasmessi dai gestori degli impianti di stoccaggio dei rifiuti in adempimento alle prescrizioni contenute nell’art. 26- bis del decreto legge 4 ottobre 2018 n. 113, inserito dalla legge di conversione 1 dicembre 2018 n. 132 con l’obiettivo di individuare in sinergia le più opportune iniziative atte a prevenire, o quanto meno a ridurre, i rischi connessi allo sviluppo di incendi presso impianti che gestiscono rifiuti.

Stoccaggio di rifiuti, incendi e irregolarità: Prefettura di Lecco in campo

Con l’occasione si procederà alla creazione di un unico database dei siti e degli enti gestori e alla georeferenziazione delle aree di stoccaggio, grazie alla quale si potrà programmare nel dettaglio l’attività di controllo, non solo al fine di individuare i luoghi maggiormente a rischio per la salute pubblica a causa dei materiali stoccati o per la vicinanza a centri abitati e industriali, ma anche per accertare la presenza di depositi non regolari o non autorizzati. I Piani di emergenza interna costituiranno la base per consentire alla Prefettura di elaborare, a sua volta, i Piani di emergenza esterna. Un passaggio che il Prefetto Formiglio intende ultimare al più presto.