Si è aperto con un minuto di silenzio per Paolo Cereda l’incontro dedicato a sport e legalità.  L’appuntamento organizzato dal Comune di Lecco si è svolto venerdì mattina alla presenza di circa 200 ragazzi da diverse scuole superiori e medie cittadine.

Paolo Cereda, un grande vuoto

Il convegno infatti è stato dedicato alla memoria di Paolo Cereda, deus ex machina dell’associzione Libera Lecco scomparso nei giorni scorsi e strenuo sostenitore della legalità.

Il rispetto delle regole

Davanti ai ragazzi hanno sfilato gli esempi concreti di come lo sport può essere strumento per favorire il rispetto delle regole e la lotta alle mafie. «Abbiamo deciso di proporre questa iniziativa  per offrire un messaggio importante: sport e legalità vanno di pari passo. Tutti in Italia siamo appassionati di sport, ma purtroppo anche questo ambiente non è completamente scisso dal malaffare». Lo ha detto il consigliere comunale Roberto Nigriello, ideatore dell’incontro.

Fabio Appetiti

La palla è poi passata a Fabio Appetiti, responsabile delle relazioni istituzionali dell’Aic. Appetiti  ha presentato l’esempio di San Luca, paese della Calabria considerato uno dei cuori pulsanti della ‘ndrangheta. Lì però l’Aic, in collaborazione con Libera, ha inaugurato un campo da calcio letteralmente «sottratto» all’attività mafiosa.

Leggi anche:  Ponti osservati speciali: il sindaco di Cisano scrive una lettera al Governo

Katia Serra

Presente anche Katia Serra, ex calciatrice e volto sempre più noto del pallone in tv (è commentatrice alla Rai). Le sue parole hanno fatto capire quanto complessa sia stata l’attività di una ragazza che ha scelto di giocare a calcio in Italia e di quanto ancora ci sia da fare per favorire la promozione del calcio femminile.

Veronica Tentori

A chiudere è stata la parlamentare Veronica Tentori, impegnata poi, nel pomeriggio, al campo della Rovinata per una partita tra Nazionale di calcio femminile parlamentari e Rappresentativa femminile Figc Lecco.