Parte domani, martedì 18 giugno, per andare a Bangui, nel Complesso pediatrico della capitale del Centrafrica. Starà 6 mesi, insieme a Medici con l’Africa Cuamm, ong che da quasi 70 anni è impegnata in Africa per il diritto alle cure e alla salute delle popolazioni più povere. Stiamo parlando di Silvia Redaelli. La giovane, residente a Grabagnate Monastero,  ha 30 anni e si sta specializzando in Pediatria all’Università degli Studi Milano-Bicocca.

Specializzanda lecchese parte per la Repubblica Centrafricana con Medici con l’Africa Cuamm

 

Come specializzanda sarà affiancata a un medico senior che l’accompagnerà in questa esperienza. Il tirocinio sarà poi riconosciuto nel suo percorso universitario, grazie a un progetto di Medici con l’Africa Cuamm chiamato JPO (Junior Project Officer) che, in più di 15 anni, ha permesso a 150 specializzandi, provenienti da oltre 20 università italiane, di effettuare un periodo di tirocinio in Africa.

La Repubblica Centrafricana

Al 188° posto su 188, nella graduatoria che mette in fila i paesi in base all’Indice di sviluppo umano, la Repubblica Centrafricana è grande due volte l’Italia, conta 5 milioni di abitanti, di cui 1 in capitale, solo 400 chilometri di strade “asfaltate” e 4 pediatri locali in tutto il paese. È questa l’ultima frontiera dell’intervento di Medici con l’Africa Cuamm, il nuovo “ultimo miglio” per l’ong italiana. Silvia Radaelli presterà servizio al Complesso Pediatrico, ospedale di 193 posti letto.

Leggi anche:  Don Felice Viasco, il Comune proclama lutto cittadino

Silvia Redaelli

«Desideravo crescere dal punto di vista professionale con un’esperienza simile a questa e sentirmi utile – afferma Silvia Radaelli –. Volevo mettermi in gioco e avere anche un maggior contatto con il paziente come solo in Africa succede. È la prima volta che vado in Africa e vorrei proprio riuscire a entrare in punta di piedi, imparare ad affrontare situazioni difficili, anche insuccessi, come il perdere dei pazienti, cosa che qui in Italia capita molto raramente e che non è mai facile da elaborare».

L’associazione

Nata nel 1950, Medici con l’Africa Cuamm è la prima Ong in campo sanitario riconosciuta in Italia e la più grande organizzazione italiana per la promozione e la tutela della salute delle popolazioni africane. Realizza progetti a lungo termine in un’ottica di sviluppo, intervenendo con questo approccio, anche in situazioni di emergenza, per garantire servizi di qualità accessibili a tutti. Oggi Medici con l’Africa Cuamm è impegnato in 8 paesi dell’Africa sub-Sahariana (Angola, Etiopia, Mozambico, Repubblica Centrafricana, Sierra Leone, Sud Sudan, Tanzania, Uganda) con oltre 2.200 operatori sia europei che africani; appoggia 24 ospedali, 64 distretti (per attività di sanità pubblica, assistenza materno-infantile, lotta all’Aids, tubercolosi e malaria, formazione), 3 scuole infermieri e 1 università (in Mozambico).

È possibile sostenere il lavoro di Medici con l’Africa Cuamm con una donazione su c/c postale 17101353 e online su www.mediciconlafrica.org.