Sos cinghiali: non è mai stato così alto l’allarme sul territorio per l’invasione dei cinghiali e degli altri animali selvatici che distruggono i raccolti agricoli, sterminano greggi, assediano stalle, causano incidenti stradali nelle campagne ma anche all’interno dei centri urbani con pericoli concreti per gli agricoltori ed i cittadini.

LEGGI ANCHE Cinghiali: oltre ai danni, le beffe: “Nel lecchese mesi per ottenere la valutazione dei danni” FOTO

Sos cinghiali: domani blitz a Montecitorio

Una minaccia che domani giovedì 7 novembre 2019 dalle 9.00 a Roma in piazza Montecitorio scatena la più grande protesta mai realizzata prima con un blitz di migliaia di agricoltori, allevatori, pastori provenienti anche dalle province di Como e Lecco insieme al presidente interprovinciale Fortunato Trezzi, oltrechè dall’intera Lombardia e dal resto del Paese, insieme ai cittadini a partire dai Sindaci con i gonfaloni e ai rappresentanti dell’ambientalismo e dei consumatori per far sentire la propria voce a difesa delle case e del lavoro con le storie di chi è stato colpito ma resiste nonostante la paura per l’incolumità della propria famiglia. Saranno presenti rappresentanti delle istituzioni e della politica a livello nazionale.

Leggi anche:  A Merate la conferenza del Dott. Ugo Giuffrè: "L'importanza di vaccinarsi"

Assediati dai cinghiali

L’obiettivo è denunciare, anche con eclatanti azioni dimostrative, una emergenza nazionale che sta provocando l’abbandono delle aree interne, problemi sociali, economici e ambientali con inevitabili riflessi sul paesaggio e sulle produzioni con le incursioni dei cinghiali che sono arrivati anche all’interno delle città minacciando la sicurezza delle persone. Per l’occasione sarà presentato il primo Dossier Coldiretti/Ixe’ su “Gli italiani assediati dai cinghiali”, sui rischi per la sicurezza e la salute e le proposte concrete per garantire la sopravvivenza delle aziende agricole e la tranquillità dei cittadini, nel rispetto della natura.

Il video appello dell’europarlamentare lecchese Pietro Fiocchi