Merate piange la morte di Sergio Bosisio. In pensione dal 2001,  ha continuato a lavorare gratuitamente per gli uffici finanziari dei Comuni di Merate e Cernusco Lombardone.

E’ morto Sergio Bosisio, comunità in lutto

Si è spento all’hospice Il Nespolo di Airuno, dove si trovava ricoverato da qualche tempo, Sergio Bosisio, classe 1945, conosciuto e stimato dipendente municipale originario di Novate ma da qualche anno residente a Robbiate. Responsabile dei servizi finanziari e tributari del Comune di Merate, nel 2001 era andato in pensione. Da allora aveva però continuato a prestare la propria opera volontaria e gratuita continuando a lavorare tre giorni alla settimana per il Comune di Merate e due giorni per il Comune di Cernusco. Proprio per la sua encomiabile dedizione al lavoro, l’ex sindaco Battista Albani lo aveva insignito della più importante benemerenza cittadina, l’ambrogino d’oro.

Il sindaco Massironi: “Un uomo straordinario”

Entrato a lavorare in Villa Confalonieri nel 1972,  non aveva più smesso di offrire il suo prezioso e competente lavoro fino a che le condizioni di salute non glielo hanno impedito. “Merate e i meratesi gli devono moltissimo – ha commentato dispiaciuto il sindaco Andrea Massironi  – Umile ma molto attento e preparato, ha dato al suo lavoro tempo, cuore e anima”. Sergio Bosisio lascia un vuoto incolmabile nei suoi cari, l’amata moglie, il figlio e i nipoti. I funerali saranno officiati venerdì alle 15 in chiesa parrocchiale a Novate come da lui richiesto nelle sue ultime volontà.

Leggi anche:  Trovato morto il disperso sul Cornizzolo