Teatro Jolly tutto esaurito, divertimento, risate e soprattutto solidarietà. Questo il bottino dell’evento, organizzato dalla Confcommercio Valle San Martino, che ha portato ad Olginate il celebre trio dei Legnanesi e ha permesso di donare un ricco assegno all’associazione Fabio Sassi per l’Hospice il Nespolo di Airuno.

Donati 3.500 euro

Venerdì 14 settembre Cristina Valsecchi, presidentessa di Confcommercio Valle San Martino, ha consegnato alla consigliere dell’associazione Fabio Sassi, Patrizia Piolatto, un assegno da ben 3.500 euro. “E’ il terzo anno che organizziamo questo evento per aiutare una struttura vicino a noi e che fa tanto per i malati – ha detto Cristina Valsecchi – Ci teniamo a supportarli nel loro importante compito e per questo anche quest’anno i soldi raccolti in beneficenza andranno all’Associazione Fabio Sassi per l’Hospice il Nespolo di Airuno. Sicuramente porteremo avanti questa iniziativa visto che abbiamo strappato la promessa ai Legnanesi che torneranno anche il prossimo anno, possibilmente per due serate visto le tante richieste”.

L’assegno così è passato dalle mani di Cristina Valsecchi a quelle di Patrizio Piolatto. “Il ricavato andrà a confluire in tutto il nostro bilancio per gestire la struttura il Nespolo. Quest’anno abbiamo avuto alcune spese straordinarie di modernizzazione visto che la struttura è stata aperta nel 2002 e per questo tutti i contributi in beneficenza sono sempre ben accetti. Grazie di cuore”

Leggi anche:  Doppio malore, due giovani uomini in ospedale SIRENE DI NOTTE

Ad aiutare Cristina Valsecchi nell’organizzazione della serata Luca Marchetti, volontario dell’Hospice e titolare dell’omonimo bar-panetteria a Galbiate. “Una serata da tutto esaurito è sinonimo di un grande successo. Ringrazio tutti gli organizzatori, i presenti, i Legnanesi e chi ha voluto donare qualcosa in più per aiutare l’Hospice. Ricordo anche che l’11 ottobre partirà il corso per aspiranti volontari, organizzato dall’associazione Fabio Sassi a Villa dei Cedri a Merate. Siamo in tanti volontari (più di 200), ma c’è sempre bisogno”.

Cristina Valsecchi, Luca Marchetti e Patrizia Piolatto