Il 4 ottobre i lavoratori delle Aziende socio-sanitarie territoriali di Lecco e di Monza   incroceranno le braccia. Lo rende noto la Cisl Monza Brianza Lecco che parla di “uno sciopero, quello convocato dalle Rsu e dalle organizzazioni sindacali, arrivato dopo aver provato a trovare, invano, forme conciliative con la controparte”.

Sanità pubblica: sciopero a Lecco e Monza

Tanti i punti contestati dai rappresentanti dei lavoratori: dalla montagna di ore di straordinarie e di ferie accumulati e solo in parte pagate al ricorso al personale tramite agenzie interinali senza utilizzare le graduatorie aziendali passando per l’accentramento dei servizi con l’acquisizione di competenze prima in campo all’ex Asl, le vaccinazioni e servizi anche di tipo amministrativo come lo sportello di cambio medico.

I sindacati

«Abbiamo rilevato una non soddisfacente volontà da parte della direzione aziendale di coinvolgere preventivamente le rappresentanze sindacali sui riflessi sulla qualità del lavoro e sulla professionalità derivanti da modifiche e scelte organizzative inerenti i servizi – commentano i sindacalisti -. Non solo, nonostante la disponibilità al confronto, nessun riscontro è pervenuto dalle direzioni».

Leggi anche:  Allerta della protezione civile per vento forte

Durante la giornata di sciopero del 4 ottobre saranno garantite le prestazioni indispensabili, ovvero i servizi minimi essenziali, in osservanza delle regolamentazioni di settore e aziendali.