“Sono fortemente orgoglioso che, all’unanimità, il Consiglio regionale abbia approvato la mozione che ho presentato per la costruzione di una nuova infrastruttura di collegamento tra le province di Lecco e Bergamo alternativa al Ponte San Michele, e mi complimento con l’Amministratore delegato di RFI Gentile per aver copiato un’idea lanciata dal gruppo di Forza Italia in Regione Lombardia durante i mesi scorsi” afferma Mauro Piazza Consigliere regionale di Forza Italia.

Sì a un nuovo Ponte di Paderno

LEGGI ANCHE Ponte di Paderno: anche la Regione ne vuole uno nuovo

“Nei mesi scorsi, infatti, -spiega Piazza- abbiamo rilevato la necessità di costruire un’infrastruttura nuova per sostituire l’esistente Ponte San Michele che da 120 anni collega due territori primari della Lombardia, e vedere che anche l’amministratore ne condivide l’importanza è un risultato rilevante. L’età del Ponte rende quanto mai necessario pensare ad una nuova infrastruttura che, come sostenuto dal gruppo di Forza Italia in Consiglio regionale e confermato dall’Amministratore Gentile, è di primaria importanza.” prosegue il Consigliere regionale.

“Meno chiacchiere e meno passerelle”

“Tuttavia, nell’immediato abbiamo necessità che il territorio non venga paralizzato e che il ponte riprenda la propria funzionalità in attesa della progettazione e successiva realizzazione di un nuovo collegamento. Per questo, dall’amministratore Gentile e da RFI, ci aspettiamo meno chiacchiere e meno passerelle e più fatti concreti. Come Regione abbiamo già dato ampia prova di serietà con lo stanziamento delle risorse necessarie. Aspettiamo che anche da RFI facciano altrettanto” conclude l’azzurro.

Leggi anche:  Gli animali e il caldo: i consigli dell'Ats Brianza su come proteggerli

LEGGI ANCHE

Ponte di Paderno, il Commissario Gentile: “Serve un nuovo ponte, la tragedia del Morandi ce lo ha insegnato”

 Sopralluogo del Commissario sul Ponte di Paderno TUTTE LE IMMAGINI

Ponte di Paderno: da Regione Lombardia oltre 2 milioni di euro per i bus

Ponte di Paderno, il ministro Toninelli: “Tornerò a vedere i lavori coi miei occhi”