Ponte di Paderno, al termine dell’incontro di oggi in prefettura i sindaci di Paderno d’Adda, Brivio, Robbiate, Imbersago, Verderio e Merate confermano la chiusura per due anni.

LEGGI ANCHE

Ponte di Paderno, vertice in prefettura stop ai camion super pesanti anche a Brivio

Ponte di Paderno chiuso: la situazione del traffico FOTO E VIDE

La chiusura del ponte di Paderno non è legata ai lavori già programmati da Rfi

Primo lunedì senza il ponte di Paderno: gli avvisi ai viaggiatori

Stop ai treni sul ponte di Paderno: le richieste dei pendolari

Chiuso il Ponte di Paderno arriva il treno straordinario da Bergamo

Stop sul Ponte di Paderno per due anni

“Ci è stato riferito che la chiusura urgente del ponte è stata disposta per una rapida evoluzione del degrado della struttura e che rimarrà chiuso per due anni” si legge nella nota ufficiale diffusa dai sindaci del Meratese. “RFI ha promesso che procederà ad una revisione del progetto per verificare se sarà possibile anticipare l’apertura alla viabilità stradale. In Regione oggi pomeriggio si terrà una riunione per stabilire modalità e tempi dei servizi sostitutivi da adottare, visto che la competenza, per la messa a disposizione degli autobus e per la definizione degli orari é in capo a Trenord, società controllata dalla Regione Lombardia. Provincia e RFI provvederanno ad installare idonea segnaletica, con costi a carico di RFI”.

Leggi anche:  Lecco: domani Vesperi ambrosiani in Santa Marta

Servono coinvolgimento e informazioni tempestive

“Abbiamo sollecitato la Prefettura, RFI e la Provincia a tenerci informati in tempo reale sull’evoluzione della problematica che si è venuta a creare” proseguono i primi cittadini. “Si è sollecitato inoltre un intervento da parte del Governo e della Regione in ordine alle ripercussioni economiche che tale chiusura comporterà soprattutto agli esercizi commerciali ed alle piccole imprese del nostro territorio”.

La viabilità

Come annunciato  dopodomani, mercoledì 19, si terrà una riunione nella sala consiliare del Comune di Merate fra i i sindaci, le Polizie Locali dei Comuni interessati, la Polizia Stradale, la Provincia e i Carabinieri per valutare gli impatti sulla viabilità locale e per l’individuazione dei percorsi più idonei.