Nuova mobilitazione del Comitato San Michele. Il sodalizio nato dopo la  chiusura del ponte di Paderno avvenuta il 14 settembre (CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTI GLI ARTICOLI DALLA NOTTE DELLO STOP) oggi, venerdì 7 dicembre, in coincidenza di San’Ambrogio,  festa patronale della Cittadina, ha allestito un gazebo per la raccolta firme in centro a Merate.

Le novità per i pendolari annunciate dall’Assessore Terzi

Ieri da Regione Lombardia ed in particolare dall’assessore a Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile Claudia Maria Terzi sono arrivare delle rassicurazioni per i pendolari

“Trenord ha confermato la disponibilità ad attivare navette dall’Isola bergamasca verso la stazione di Olgiate Molgora sulla S8 Milano-Lecco, previa verifica con i pendolari circa l’efficacia della scelta rispetto all’opzione della navetta verso Paderno d’Adda. Ed è in corso un’interlocuzione con Rfi per introdurre un ulteriore treno mattutino verso Milano sulla Bergamo-Milano via Pioltello. Occorre però considerare che entrambe le linee sono sature, e questo rende molto complicato attuare ulteriori misure”.

Ponte di Paderno: comitato San Michele oggi in piazza per raccogliere firme

Ma i disagi per i residenti, i commercianti, gli studenti che abitano sulle due sponde del San Michele. Proprio per questo i membri del Comitato proseguono nel loro impegno, come oggi a Merate, tra la gente e per la gente soprattutto  in vista della grane manifestazione che si terrà la prossima settimana sulla sponda caluschese.

Leggi anche:  Mezzo secolo di successi: Antonio Rossi compie 50 anni, auguri campione! FOTO E VIDEO

LEGGI ANCHE  Disagi Ponte di Paderno, il 15 dicembre manifestazione del comitato

Gli obiettivi della manifestazione

Sensibilizzare in merito alla situazione reale che decine di migliaia di persone stanno vivendo, con ripercussioni psicologiche, sociali, affettive dovute a stress e perdite di tempo e danni economici;

Ottenere risposte dalle Istituzioni e dagli Enti coinvolti, a partire da RFI e Regione Lombardia, alle quali abbiamo chiesto dal 14 settembre risposte certe. A loro, a Trenord, e alle Amministrazioni locali abbiamo inoltrato nei mesi scorsi le istanze di cui ci stiamo facendo portavoce e con la presente intendiamo invitarli a prendere parte alla manifestazione;

Sollecitare l’avanzamento dei lavori, perché vengano messe a disposizione risorse adeguate all’emergenza in termini di addetti ai lavori e si aumentino le ore e i giorni di lavoro in modo tale da condensare il tutto nel più breve tempo possibile vista l’urgenza;