Picchetto dei lavoratori Aerosol davanti all’azienda. Insieme alle maestranze anche il sindaco di Valmadrera Donatella Crippa che si è detta molto preoccupata. “Quello che mi preoccupa – ha detto la prima cittadina – è che al dì là dei proclami è stato fatto poco o nulla”.

Crisi Aerosol

La pioggia non ha fermato le lavoratrici e i lavoratori dell’Aerosol che hanno deciso di manifestare pubblicamente il loro sdegno e la loro esasperazione  per il mancato pagamento degli stipendi. Un situazione assurda che, tra alti e bassi, speranze e delusioni, si trascina ormai da mesi con decine di dipendenti che non hanno non solo per il futuro, ma neanche per il presente

Potere al Popolo

“Anche Potere al Popolo ha partecipato allo sciopero proclamato dai lavoratori della Aerosol di Valmadrera” si legge in una nota del partito di sinistra lecchese. ” Il presidio allestito dai lavoratori fuori dalla fabbrica arriva dopo mesi di false promesse da parte dell’ amministratore unico Giovanni Bartoli ,7 mensilità arretrate e una produzione ormai ferma da inizio anno .I lavoratori non accettano piu’ passivamente questa situazione e noi appoggiamo la loro protesta. Le ‘passerelle istituzionali’, con tavoli concertativi tra le parti sociali,   hanno dimostrato ancora una volta che i rapporti di forza sono tutti a favore di un arrogante classe imprenditoriale che pensa solo a generare profitto e speculare sulla pelle dei lavoratori. Il 12 giugno finisce il contratto di solidarieta’,e dopo?

Leggi anche:  Qui Lecco Libera su Metastasi: "La Cassazione ci ha dato ragione"

 

Leggi tutti gli articoli sulla vicenda Aerosol

La luce in fondo al tunnel
Si apre uno spiraglio per Aerosol
Azienda ancora chiusa, Sindacati: “Proprietà non onora gli impegni”
Continuano le trattative
Riparte domattina con il pagamento della quattordicesima
Ennesimo presidio dei lavoratori per chiedere chiarezza e giustizia
I dipendenti chiedono un passo avanti concreto

 

Mario Stojanovic