“AAA Vendesi Esino Lario”: è inequivocabile il contenuto dell’interrogazione depositata stamattina da Raffaele Straniero, consigliere regionale del Pd. Le richieste di chiarimento rivolte al presidente Attilio Fontana e all’assessore competente fanno riferimento a quanto sta avvenendo nella piccola comunità del lecchese: “Nei giorni scorsi il Comune di Esino Lario è stato al centro dell’attenzione dell’opinione pubblica per un’iniziativa del sindaco di pubblicare su importanti giornali, tra cui ‘Il Sole 24 Ore’ (edizione di giovedì 4 aprile 2019), inserzioni a pagamento in cui si annuncia la vendita di ‘luoghi simbolo’ del Comune stesso, e di installare cartelli segnaletici in prossimità degli stessi luoghi, fra i quali il Municipio e la Via Crucis, indicandovi il prezzo base di un’asta indetta online”, ricorda Straniero nel testo dell’atto.

Raffaele Straniero

LEGGI ANCHE

Paese in vendita, il Pd non ci sta e chiede al sindaco di Esino un passo indietro

Paese in vendita: Ricciardelli scrive a Pensa: “Sono indignato”

Una bella trappola mediatica…

Paese in vendita: la vicenda di Esino Lario approda in Regione VIDEO

Paese in vendita: ECCO LA SPIEGAZIONE DEL SINDACO – VIDEO

Nel Lecchese c’è un intero paese in vendita: “Non abbiamo più le risorse” FOTO

Paese in vendita, Straniero presenta una interrogazione in Regione

Un’iniziativa che riveste sicuramente un carattere “provocatorio e ha ottenuto un forte impatto mediatico, suscitando nello stesso tempo preoccupazione, sdegno, sgomento, ansia fra gli abitanti del Comune e non solo – prosegue l’esponente Pd –. Come consigliere regionale del territorio ho avuto modo di raccogliere queste preoccupazioni, che riguardano aspetti formali ma anche sostanziali della vicenda”. E sebbene “sicuramente il tema dello spopolamento e della sopravvivenza dei piccoli Comuni è di estrema importanza e merita un approfondimento urgente al fine di delineare possibili soluzioni rispetto ai rischi che corrono”, Straniero ha deciso comunque di esporre le sue perplessità alla Giunta regionale, ritenendo che “alla provocazione ci sia un limite” e chiedendo nel contempo alcune precise informazioni a presidente e assessore, ovvero “se non ritengano che l’iniziativa ‘AAA Vendesi Esino Lario’ si configuri come gravemente lesiva dell’immagine del Comune e, più in generale, dei piccoli Comuni; se non pensino che, per affrontare i problemi legati allo spopolamento e alla sopravvivenza dei piccoli Comuni, dovrebbero più utilmente essere imboccate altre strade, magari più faticose ma più rispettose della storia delle singole comunità”.

Leggi anche:  Galbiate, Giornata del Ringraziamento: civica benemerenza ad Antonietta Serratoni

Dubbi sull’opportunità della sponsorizzazione da parte di Eolo

E non è finita qui perchè il consigliere regionale dem, nella sua interrogazione  ha chiesto inoltre se i membri della Giunta di Regione Lombardia non ritengano “preoccupante il fatto che la stessa iniziativa sia stata ‘sponsorizzata’ da una nota società privata del settore delle telecomunicazioni”. E ancora  se non ritengano “che il Consiglio comunale di Esino Lario avrebbe dovuto essere coinvolto prima di annunciare la ‘messa in vendita’ di pezzi pregiati del Comune.  Se non valutino in modo grave il fatto che sia stata ‘messa in vendita’ anche la Via Crucis, che risulta essere di proprietà della parrocchia di San Vittore, e se non ritengano che l’operazione avrebbe dovuto essere concordata con la stessa parrocchia”.  L’ultimo dubbio esposto da Straniero riguarda poi le ragioni che hanno spinto il presidente  della Giunta regionale ad annunciare  la propria partecipazione all’incontro organizzato domani, giovedì 11 aprile, da Anci e dalla società Eolo, “offrendo una sorta di avallo all’iniziativa”.