Una ventina di volontari si sono ritrovati in questi giorni con il nuovo parroco don Matteo Gignoli per impostare il cammino di rinascita del cinema teatro Jolly di Olginate.

Una nuova sala

“La ristrutturazione della sala di questi ultimi anni e l’introduzione più recente della macchina digitale per proiezioni cinematografiche, sono ottime basi su cui impostare una nuova vita della struttura che per dimensione e comfort rappresenta un fiore all’occhiello non solo per Olginate ma anche per tutto il territorio lecchese – ha spiegato il gruppo di volontari – A questo si aggiungono circa 400 poltrone in velluto che potranno accogliere comodamente sempre più spettatori per una programmazione cinematografica di qualità e al passo coi tempi, a partire dal prossimo periodo natalizio, alla quale si aggiungeranno numerosi eventi di carattere teatrale e musicale”.

L’esperienza di don Matteo

“A questo si aggiunge l’esperienza ultra decennale di don Matteo, appassionato di cinema e di tecnologie, che nelle passate esperienze vissute a Sedriano e Caronno Pertusella ha fatto rinascere due strutture parrocchiali dedicate al cinema e teatro che oggi vantano una programmazione notevole molto apprezzata” concludono i volontari.

Un grande gruppo di volontari

Il gruppo, coordinato da don Matteo e formato dai volontari storici e da altri volti nuovi, si articolerà operativamente in diversi ambiti: dalla scelta dei film alla promozione degli eventi, dalla gestione della biglietteria alla pulizia della sala,  alla proiezione vera e propria.  “Per tutto questo serve allargare il gruppo di volontari – spiega Don Matteo –  Invito chiunque voglia dare una mano, a mettersi in contatto con me o a presentarsi al prossimo incontro mensile che si terrà il 4 dicembre in oratorio a Olginate”.

Leggi anche:  Immigrazione, convegno della Lega a Mandello

Diversi spettacoli già in calendario

Nel frattempo la sala ospiterà iniziative di vario genere confermando la sua vocazione polifunzionale: dal teatro per bambini con “Il Mago di Oz” in programma sabato 10 novembre, al concerto del Coro Ana dell’Adda il 15 novembre, fino alla splendida serata emozionale con la straordinaria Simona Aztori di sabato 17 novembre.