«Lascia o raddoppia? In materia di vaccinazioni, lo stato confusionale in cui versa la maggioranza Lega-5Stelle raddoppia senza dubbio, con due emendamenti che sono uno il contrario dell’altro. E il tutto nonostante le evidenti e doverose aperture contro il folle tentativo del governo di consentire l’accesso ad asili e scuole materne anche ai bambini non vaccinati». Ad affermarlo è Gian Mario Fragomeli, deputato lecchese del PD che interviene sul caldissimo tema dell’obbligo vaccinale.

LEGGI ANCHE 

Obbligo vaccinale: infuriano le polemiche ma Regione Lombardia esult

Vaccini obbligatori gioiscono i promotori della raccolta firme

Vaccini: Arrigoni furioso lancia l’hashtag #tuttiascuola

Obbligio vaccinale

«La nostra è una battaglia democratica, che ha preso il via ormai da diverse settimane fuori e dentro il Parlamento e che continuerà con tutti i mezzi consentiti dai regolamenti parlamentari – spiega il deputato dem. «Noi ci opponiamo ad una normativa irresponsabile e priva di ogni evidenza scientifica, il cui unico risultato sarebbe quello di mettere a rischio la salute dei bambini immunodepressi e di tutti quelli realmente impossibilitati a vaccinarsi a causa di patologie preesistenti».

No ai medici “fai da te”

«È una battaglia di civiltà – puntualizza Fragomeli – in cui alla propaganda e all’arroganza dei medici “fai da te” rispondiamo con l’evidenza di anni di studi, trial clinici e risultati scientifici. Una battaglia portata avanti dal Gruppo dei deputati del Partito Democratico insieme agli esperti degli Istituti Superiori di Sanità, ai medici, ai pediatri e ai presidi delle nostre scuole. Questa è la nostra risposta alle urla e alle falsità di una nuova categoria di untori che credono di trovare in internet la soluzione a tutti i problemi».

Il diritto alla non vaccinazione non esiste

«Non ci fermeremo – conclude il deputato lecchese – fino a quando non avremo sconfitto la volontà del governo Lega-5Stelle di ghettizzare i bambini più deboli e affetti da patologie reali, al solo scopo di avallare un presunto, dissennato e del tutto inesistente  diritto alla non-vaccinazione, pratica che non ha mai avuto la benché minima validità medico-scientifica e che non deve assolutamente trovare spazio nel provvedimento normativo attualmente in esame».

Pd di Merate

Sull’argomento è intervenuto con un post in facebook anche il Pd di Merate. “La mobilitazione per i #vaccini alla fine è servita, ha prevalso la ragione, ha prevalso la #scienza .
Siamo orgogliosi come Partito Democratico di aver portato avanti questa battaglia”.