Ad inizio mese la comunità di Calolzio era stata segnata dalla tragica scomparsa di Nicolae Dorin Cazacu, 18enne residente in Inghilterra e di origini rumene. Ora i genitori di Nicolae hanno scritto una lettera a tutti i calolziesi per ringraziarli del supporto in quei giorni tragici e difficili.

LEGGI ANCHE: E’ morto il ragazzo recuperato nel fiume Adda FOTO

La tragedia

Il 18enne, Nicolae Dorin Cazacu, è deceduto lo scorso 5 luglio dopo essere stato trascinato via dal fiume Adda all’altezza di via Della Stanga a Calolziocorte. Il ragazzo aveva fatto qualche passo di troppo all’interno del fiume, venendo poi trascinato sotto acqua senza più riemergere. I soccorsi, allertati dalla ragazza che si trovava con lui, si erano subito precipitati sul posto: il 18enne era stato poi trovato sotto il vicino ponte che collega Calolzio a Olginate, prima del trasporto in ospedale a sirene spiegate per provare a rianimarlo. Le condizioni erano sembrate subito critiche e il suo cuore aveva smesso di battere durante la notte.

La lettera dei genitori

“Siamo i famigliari di Nicolae Dorin Cazacu. Purtroppo nostro figlio è scomparso durante una gita finita male nel fiume Adda lo scorso 4 luglio. La tragedia che ci ha colpiti non ha parole: perdere un figlio a quell’età, mentre si affaccia alla vita, ci ha portati alla disperazione!  In mezzo a questo buio, abbiamo almeno avuto la fortuna di entrare in contatto con tutta una serie di persone di buona volontà che ci hanno permesso di affrontare il dramma. Ecco quindi che, con queste poche righe, ci preme ringraziare pubblicamente la popolazione di Calolziocorte, la Pubblica Amministrazione cittadina, i Volontari del Soccorso e molti altri. Senza il loro aiuto non avremmo saputo cosa fare! La generosità materiale, il conforto morale, l’aiuto spicciolo ricevuto in quei momenti e pure ora, sono di grande sollievo per la nostra famiglia. Abbiamo perso un figlio, ma abbiamo anche compreso di aver guadagnato la conoscenza e la benevolenza di tutta una comunità, che non conoscevamo ma che ci ha sorretti come se fossimo amici da una vita. Grazie Calolziocorte!”