Nevicate e freddo il Comune di Lecco invita a prestare attenzione ai marciapiedi.

LEGGI ANCHE

Gelicidio: ecco i treni cancellati e le linee ridotte da Trenord

Big Snow è arrivato: città imbiancata e qualche disagio FOTO E PREVISIONI

Gelicidio annunciato, ma la Statale si blocca per neve FOTO

Big snow ironia sui social

Burian Sp 51 La Santa lenta ma percorribile FOTO

Disagi neve a Brivio nonostante l’allerta meteo FOTO

Nevicate e freddo a Lecco

“Nonostante l’ondata di gelo che ha investito la città e le nevicate che ancora stanno interessando in maniera importante il nostro territorio, grazie anche al lavoro degli otto mezzi spalaneve e spargisale dispiegati in tutte le zone della città, abbiamo evitato le gravi criticità di tipo viabilistico collegate alle condizioni atmosferiche – sottolinea l’assessore alla viabilità del Comune di Lecco Corrado Valsecchi -. I trasporti pubblici cittadini hanno potuto garantire il servizio in maniera regolare e scuole e luoghi di lavoro sono rimasti raggiungibili e accessibili”

L’invito ai “frontisti”

“Le criticità potrebbero tuttavia riguardare i camminamenti pedonali; per questo motivo chiedo ancora una volta la collaborazione di tutti i frontisti affinchè provvedano alla pulizia dei marciapiedi, così come previsto dalle norme vigenti, anche in previsione di una possibile intensificazione delle precipitazioni prevista per domani”.

Leggi anche:  Dalla Regione in arrivo fondi per le Comunità Montane

Il provvedimento

“Ai sensi del relativo provvedimento, (clicca sotto), è opportuno ricordare infatti che “i proprietari di immobili durante e in seguito alle nevicate sono tenuti a tenere, dalle 7 alle 19, sgombero il marciapiede antistante la loro proprietà da accumuli di neve o, quando non esistesse il marciapiede, uno spazio della larghezza di m. 1.00 dal muro dello stabile. La neve rimossa non dovrà invadere la carreggiata e ostruire gli scarichi e i pozzetti stradali; in caso di formazione di lastre di ghiaccio, devono provvedere allo spargimento, sui marciapiedi di loro pertinenza, di materiale antisdrucciolo (es. decongelanti, sale, sabbia, ecc.) e a tenere sgombere le bocche di scarico e le caditoie stradali antistanti la loro proprietà; ove esistesse pericolo di caduta di masse nevose dalla falda del tetto, devono provvedere a delimitare con opportuna segnaletica la zona di pericolo”. In attesa del passaggio della perturbazione è inoltre necessario rammentare che, ai sensi dell’ordinanza dirigenziale emessa il 7 dicembre scorso, ciclomotori, motocicli e autoveicoli sprovvisti di preumatici o catene da neve a bordo non possono circolare.

Clicca qui per leggere l’ordinanza