La vicenda della multisala di Valmadrera deve superare l’ostacolo della Regione.

La vicenda

Con una delibera di giunta, l’Amministrazione comunale ha approvato il Protocollo d’intesa con la società SVI.VA Srl per la promozione dell’Accordo di programma riguardante l’intervento nell’area dell’ex fonderia che prevede la realizzazione di un complesso destinato a ospitare le sale cinematografiche, oltre che ristoranti e zone per lo shopping.  Un intervento di ben 30.000 mq di nuova edificazione e destinato a cambiare radicalmente il volto di Valmadrera e capace di dar vita alla prima multisala del lecchese.

La situazione dell’immobiliarista

Come è noto, la posizione di Maroni & C è piuttosto critica nei confronti degli ampliamenti e a maggior ragione per i nuovi insediamenti commerciali. Non solo,  le novità riguarderebbero anche l’operatore immobiliare Raoul Dodero, 49 anni, di Genova – che due anni fa a un prezzo simbolico ha acquistato il 100% della Rodafin srl dalla famiglia Roda, noti imprenditori azionisti tra l’altro della Rodacciai di Bosisio Parini. Subito dopo l’immobiliarista genovese ha sottoscritto un aumento di capitale da 1 milione di euro. Difficilmente Dodero potrà portare avanti un investimento da circa 40 milioni. La Sviva srl vanta un debito di 13,4 milioni con le banche e ha chiuso gli ultimi tre esercizi in perdita. L’unico modo per uscirne, forse, è proprio quello di ottenere il via libera dal Pirellone e poi vendere il progetto approvato al miglior offerente (un fondo o un’impresa). In altre parole una grande scommessa…

Leggi anche:  Il gran cuore dei City Angels: distribuiti oltre 100 pasti

Ampio servizio sul Giornale di Lecco in edicola lunedì 6 novembre.