Continua il viaggio del Giornale di Lecco alla “scoperta” delle luminarie natalizie più suggestive e degli addobbi più singolari (segnalateceli anche voi mandandoci le vostre foto a redazione@giornaledilecco.it o redazione@giornaledimerate.it). Vi abbiamo già parlato delle spettacolari illuminazioni meratesi e delle simpatiche decorazioni di Olginate e oggi sbarchiamo a Calolzio.

LEGGI ANCHE

Palazzo Prinetti illuminato con il videomapping: che spettacolo! FOTO e VIDEO

Che pioggia di luminarie natalizie… nel vero senso! FOTO

Luminarie natalizie: la chiesa del Pascolo risplende come un gioiello

Da stasera, e per il secondo anno consecutivo  la chiesa della frazione calolziese del Pascolo dedicata alla Sacra Sacra Famiglia di Nazareth si è vestirà  a festa con un “abito” di splendide luci magiche che riproducono candidi fiocchi di neve incastonate in un cielo blu. Ieri sera sono state fatte le “prove generali” ma l’accensione ufficiale è programmata per oggi, martedì 4 dicembre. La parrocchia guidata da don Andrea Pirletti ha deciso di fare a tutti anche quest’anno lo splendido regalo natalizio.

Il significato

A spiegare il significato del progetto è Roberto Riva, grande e storico volontario della parrocchia.  “La bellezza di questa illuminazione non sta solo nella coreografia, ma ad essa dobbiamo dare un significato Cristiano. Come i pastori ed i Re Magi furono attratti dalla luce della stella che, guidando il loro cammino, li ha portati sino alla grotta di Betlemme per rendere omaggio a Gesù Bambino, così anche noi dovremmo guardare queste illuminazioni. Dovremmo entrare in chiesa per prendere un po’ di quella luce che non si spegne più perché illumina le  tenebre umane. Uscendo dalla nostra chiesa poi dovremmo essere noi luce per i nostri famigliari, compagni di lavoro, e per gli ultimi, i poveri in Spirito, così da farli comprendere loro il vero significato del Natale”.

Leggi anche:  Luminarie natalizie: via gli ombrelli, ecco gli addobbi ecologici! FOTO

Il presepe… doppio

E non poteva mancare il presepe, anzi i presepi, uno all’esterno della chiesa e uno all’interno con miniature dell’artista Aldo Angioletti.

 

Mario Stojanovic