Attualità BrianzaLecco e dintorni14 Gennaio 2020

L’Inps sbaglia e taglia le pensioni di gennaio: presto i soldi verranno restituiti

Per molti pensionati brianzoli, il primo assegno del 2020 ha portato un taglio pesante e ingiustificato, compreso tra i 60 e i 150 euro. L'Inps ha ammesso l'errore

L’Inps sbaglia e taglia le pensioni di gennaio: presto i soldi verranno restituiti. A renderlo noto è la Cisl Monza Brianza Lecco. A gennaio infatti c’era chi si aspettava una rivalutazione dello 0,4%. Un piccolo aumento relativo ai trattamenti pensionistici pari a quattro volte il trattamento minimo, come previsto dalla Legge di bilancio. Per le pensioni più elevate, l’incremento era ancora più limitato. Ma in tanti casi c’era anche la possibilità di una leggerissima diminuzione dell’assegno pensionistico dovuta al conguaglio fiscale. “Invece, per molti pensionati brianzoli, il primo assegno del 2020 ha portato un taglio pesante e ingiustificato, compreso tra i 60 e i 150 euro” spiegano dal sindacato.

L’Inps sbaglia e taglia le pensioni di gennaio

L’Inps tramite un comunicato («Debito da rinnovo pensioni gennaio 2020») ha ammesso lo sbaglio nel conteggio del trattamento pensionistico, innescato a livello nazionale da un errore del sistema informatico. E ha già provveduto a riesaminare, attraverso un’apposita lavorazione, gli assegni interessati dall’immotivata diminuzione.

LEGGI ANCHE Tentano di smurare la cassaforte: ladri messi in fuga dalla vigilanza

Presto i soldi delle pensioni verranno restituiti

Quanto indebitamente trattenuto, verrà perciò restituito con la mensilità di febbraio aggiungono intantio . Intanto, però, i pensionati che hanno dovuto fare i conti con l’inaspettata decurtazione dell’assegno, hanno ovviamente chiesto informazioni. In molti hanno contattato la sede monzese di via Dante della Fnp Cisl Monza Brianza Lecco. «In questo periodo – precisa Beppe Saronni, segretario Fnp Cisl Monza Brianza Lecco -, riceviamo mediamente una trentina di telefonate al giorno di pensionati molto preoccupati. La gente vuole capire. Anche perché il conguaglio fiscale, cioè quello che viene calcolato in base alla pensione percepita nel 2019, è sempre modesto: parliamo di cifre solitamente nell’ordine di qualche euro. Qui, invece, la cifra mancante è decisamente più elevata».

Leggi anche:  Ieri i lavori, oggi un guasto: treni ancora in ritardo. Manifestazione di protesta in stazione

Chi riguarda il taglio

La questione coinvolge circa 20mila trattamenti pensionistici erogati dall’Inps nella provincia di Monza. In pratica, circa la metà di quelle gestite complessivamente nell’area brianzola. Il taglio inaspettato riguarda le pensioni di 1.539 euro lordi mensili, cioè tre volte il trattamento minino. La trattenuta ingiustificata riguarda appunto quelle pensioni soggette a rivalutazione in base alla sentenza n. 70/2015 della Corte costituzionale.

In particolare, la quota di trattamento pensionistico relativa all’applicazione di questa sentenza, non è stata ricompresa nell’importo lordo della stessa mensilità. Un errore che ha comportato la diminuzione degli importi relativi a dicembre 2019 e gennaio 2020. Il (presunto) debito è stato così trattenuto a gennaio. Da qui l’amara sorpresa d’inizio d’anno per tanti titolari di pensione.

Controllare i cedolini  delle pensioni

«L’Inps – aggiunge Saronni – ha già comunicato il ripristino del corretto sistema di calcolo e già con il pagamento di febbraio quanto indebitamente trattenuto verrà restituito. Ma è opportuno che i pensionati verifichino il proprio cedolino di febbraio per controllare il corretto pagamento. In caso di dubbi, sarà necessario effettuare un ulteriore controllo ed, eventualmente, provvedere alla richiesta di ricostituzione della pensione».

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *