“Prosegue come da programma la procedura per il passaggio ad Anas della Sp 639 Lecco – Bergamo: il Ministro dei Trasporti  Danilo Toninelli ha risposto ieri al mio Question Time in Commissione Ambiente e Lavori Pubblici confermando che la questione è in via di trasmissione al Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici il quale, successivamente, la inoltrerà al parere delle Commissioni Parlamentari competenti. La conclusione dell’iter è quindi prevista entro il prossimo mese di febbraio». Lo rende noto  Gian Mario Fragomeli, deputato lecchese del Partito Democratico, da mesi impegnato in favore della statalizzazione della Sp 639.

LEGGI ANCHE  Presentato il progetto per “liberare” Chiuso

Lecco – Bergamo, la storia infinita

“Il perché di questo mio impegno ad ottenere il passaggio ad Anas della Lecco-Bergamo è presto detto” spiega Fragomeli. “Con la statalizzazione della strada, ad Anas verrebbe affidato sia l’adeguamento progettuale per la nuova gara, sia il compito di recuperare i fondi necessari a porre fine alle problematiche relative alla ripartenza e al successivo completamento dei lavori, con un evidente risparmio in termini di tempo e di disagi per i cittadini. Per Anas, inoltre, sarebbe più “facile” fronteggiare possibili e ulteriori imprevisti in corso d’opera senza dover aspettare i tempi delle procedure delle deliberazioni del CIPE”.

Provincia “libera” dal compito della manutenzione

«Da ultimo, ma certo non di poco conto– conclude infine il deputato lecchese – una volta completati i lavori, la manutenzione periodica non spetterebbe più alla Provincia, che non sarebbe quindi obbligata a investire tempo e risorse per imparare a fare un mestiere non suo».