L’arcivescovo Delpini domani, giovedì 15 marzo,  a Lecco per incontrare gli amministratori locali.

Monsignor Delpini a Lecco

L’Arcivescovo di Milano infatti incontrerà i sindaci e gli amministratori locali. In questo modo darà  seguito proprio a quell’invito ad una ”alleanza cordiale e rispettosa tra le istituzioni”. Lo aveva proposto nel Discorso alla città, sul “buon vicinato”, in occasione della festa di Sant’Ambrogio. Diversi gli appuntamenti in programma a Milano e Monza. L’Arcivescovo poi sarà a Lecco domani alle 21  al Polo territoriale del Politecnico, in via G. Previati.

Le parole dell’Arcivescovo

«Essere tra la gente per curare le condizioni per una convivenza pacifica e costruttiva può essere particolarmente arduo in un tempo in cui le legittime attese non possono sempre essere soddisfatte per i limiti delle risorse e talora le pretese e la suscettibilità di alcuni sono motivo di amarezza per chi ha a cuore il bene comune – scrive l’Arcivescovo Delpini, nella lettera di invito agli amministratori locali -. Da parte mia assicuro che gli uomini e le istituzioni della Chiesa cattolica sono per vocazione e per convinzione presenza amica della gente e delle istituzioni. Ritengo che sia utile il dialogo, il confronto, la condivisione di analisi e proposte, l’attivazione di collaborazioni e iniziative».

Leggi anche:  Gal quattro parchi Lecco Brianza: i primi successi del piani di sviluppo locale

Al centro degli icontri con gli amministratori ci sarà proprio il discorso di Sant’Ambrogio “Per un’arte del buon vicinato. Se date il saluto soltanto ai vostri fratelli, che cosa fate di straordinario? (Mt 5,47)”.

Il commento di monsignor Rolla

«Dopo il discorso di Sant’Ambrogio, vogliamo fare un ulteriore passo in avanti per rafforzare la reciproca collaborazione di responsabilità e di servizio dentro la vita quotidiana della gente – sitentizza il vicario episcopale della Zona III (Lecco), mons. Maurizio Rolla -. Ci anima la consapevolezza che insieme si sbaglia meno e ci si aiuta dove serve e dove c’è bisogno, ciascuno con il proprio carico di convinzioni e di testimonianze, tenendo come riferimento il bene comune».