Nata l’11 luglio del 1919, la maestra Jolanda Vecchietti, orgoglio per tutta la comunità di Valmadrera, compie 100 anni.

La mitica maestra Vecchietti compie 100 anni

Nativa di Trento, è arrivata a Valmadrera nel 1958 dopo una carriera scolastica iniziata in Dalmazia, proseguita prima in Istria e poi a Trento. Giunta a Oggiono, dal 1950 al 1958 ha ricoperto il ruolo di segretaria del direttore didattico dott. Pozzi. Nell’ottobre 1958 ha iniziato a insegnare a Valmadrera fino a gennaio 1974, quando per accudire la madre malata ha dovuto con immenso dispiacere abbandonare la scuola. Ritiratasi a Trento ha mantenuto i suoi interessi culturali collaborando con il Centro Studi della Val di Sole che ha pubblicato due suoi libri “L’affresco” e “Diario Dalmata” che si trovano nel Sistema Bibliotecario Lecchese.

Nel suo cuore da sempre, battono i volti e i nomi di chi, durante i suoi anni di insegnamento, ha educato e istruito con profonda dedizione. Le loro fotografie sono tutte custodite con cura e affetto dalla maestra in un grande libro con tanto di nomi e date. Tuttora i suoi allievi la ricordano con profonda gratitudine, ammirazione e riconoscenza. “Era una maestra moderna e innovativa”, “Eravamo tutte innamorate di lei perché era bravissima”, “Sono diventata maestra seguendo il suo esempio”, “Le devo molto perché è stata anche una maestra di vita”, “Ci faceva da mamma”,… questi alcuni ricordi delle sue allieve che nonostante la lontananza sono ancora in contatto con lei e periodicamente la vanno a trovare.

Leggi anche:  Dopo il maltempo di ieri, tregua oggi e domani. Giovedì nuova perturbazione PREVISIONI METEO

 

La ricorda con stima anche la dr.ssa Maria Assunta Dolzini, insegnante e poi Direttrice scolastica presso la stessa scuola di Valmadrera: “Esprimo felicitazioni all’ins. Jolanda Vecchietti in occasione del suo 100° compleanno. Ricordo di lei, in particolare, il senso di responsabilità e lo stile di autorevolezza con cui svolgeva l’incarico di nostra capogruppo presso la scuola elementare «Cesare Battisti». Porgo tanti auguri ancora per la vita”.