La Gastronomia Camozzi in piazza Garavaglia a Missaglia festeggia  cento anni di attività. Una lunga storia segnata da qualità, gusto per la tradizione e coraggio per l’innovazione.

La Gastronomia Camozzi ha attraversato un secolo di storia

Una storia lunga cento anni segnata dalla qualità, dal gusto per la tradizione e dall’apertura all’innovazione.
Così si potrebbe riassumere la vita della Gastronomia Camozzi di piazza Garavaglia, un’attività commerciale molto conosciuta tra i cittadini e che ha raggiunto quest’anno il prestigioso traguardo del centesimo anniversario di fondazione. Il negozio si è evoluto più volte durante il suo percorso ma, allo stesso tempo, ha cercato di rimanere fedele ai pilastri che l’hanno da sempre caratterizzato.

Un connubio vincente di tradizione e innovazione

Gli attuali gestori sono Paolo e Giuseppe Camozzi ma vengono tuttora affiancati da quelli storici, Erminio Camozzi e Carla Proserpio.  “La gastronomia è stata aperta da mio padre dopo la fine della Grande Guerra in seguito ad un rilevamento di una drogheria precedentemente esistente situata nella zona dei portici di Missaglia. Inizialmente si occupava di vendere essenzialmente prodotti di salumeria e, a partire dagli anni settanta, è diventata una gastronomia a tutti gli effetti”, ha raccontato Erminio Camozzi. “Per poter fare al meglio da traghettatore dell’attività, dopo la morte di mio padre ho frequentato una scuola per gastronomi e salumieri presso il Capac di Milano. Si trattava di un corso triennale con una frequenza di tre ore serali per quattro giorni alla settimana”.

Leggi anche:  Il prete scomunicato diventa reverendo di una chiesa Lgbt

Modernizzato negli anni sia il negozio che i prodotti

A raccontare nei dettagli i cambiamenti che ha attraversato la gastronomia negli anni è però Paolo Camozzi. “I locali sono stati rinnovati più volte (intorno al 1985 e nel 1989) ma il processo di modernizzazione si è esteso anche all’offerta dei prodotti. Da una parte continuiamo a proporre piatti tradizionali del territorio (come la cazzuola, la trippa e le lasagne), dall’altra abbiamo introdotto pietanze per stare al passo coi tempi (come il pollo al curry e la pasta di soia). Prepariamo anche le cibarie per i rinfreschi e per le occasioni in cui è previsto un servizio di catering. Questo ci permette di estendere la nostra influenza anche al di fuori della Brianza”.

“Un lavoro duro che però dà molte soddisfazioni”

“Gestire una piccola impresa come la nostra è spesso duro, ma i nostri sforzi vengono ripagati da una clientela riconoscente. Per resistere alla concorrenza della grande distribuzione e degli altri negozi puntiamo tutto sulla qualità, sulla freschezza dei prodotti e sul rapporto umano con i clienti (una cosa che un supermercato non riuscirebbe ad offrire)”.